Intervista a Sabina Zabberoni

Per Julian Fashion nuove aperture e logistica robotizzata: «Previsti 20 milioni di investimenti»

C'è aria di novità da Julian Fashion e non solo in Romagna, dove l'insegna imperversa tra Milano Marittima e Rimini. Nelle prossime settimane è infatti previsto un nuovo opening a San Marino: un progetto che anticipa una serie di investimenti, inclusi un nuovo polo logistico e, soprattutto, una megastore di 2mila metri quadrati.

«Abbiamo un piano di investimenti da 20 milioni e per questo dobbiamo correre», racconta a fashionmagazine.it Sabina Zabberoni, a cui fa capo l'insegna di negozi multimarca, che ha archiviato il 2021 a quota 76 milioni di euro e prevede di superare gli 80 milioni quest'anno.

«Tra marzo e aprile - prosegue l'imprenditrice - la boutique sammarinese sarà pronta. Abbiamo rilevato gli spazi occupati in precedenza dal multimarca  Il Trionfo e lì daremo vita al nuovo concept Julian Fashion. Sarà uno spazio molto bello e soprattutto moderno: l'offerta, che era incentrata sulle griffe del lusso, è stata ampliata e si arricchirà di tanti nomi nuovi».


Le iniziative di Zabberoni riguardano anche la logistica, elemento sempre più centrale nel business plan di una realtà come Julian. Nella zona di Cervia, in un'area adiacente al quartier generale dell'azienda, sono in corso i lavori di costruzione di un polo che si occuperà dello smistamento di tutti gli ordini derivanti dall'attività online.

«Si tratta di una struttura di circa 5mila metri quadrati, che inaugureremo in due step - precisa la buyer -. Tra sette mesi circa saremo operativi con i primi 2.500 metri quadrati, tutti all'insegna della logistica robotizzata, novità assoluta per un retailer multimarca come noi».

I clienti online di Julian Fashion potranno finalmente ricevere tutti insieme i capi di un ordine. «Un servizio importantissimo - sottolinea Zabberoni - perché migliora sensibilmente la speed of selling e ottimizza il numero di consegna, con un conseguente impatto positivo anche dal punto di vista ambientale».

Importanti prospettive anche sul fronte del retail fisico - «Che per noi resta la parte più profittevole del business, anche se l'online diretto corre e Farfetch funziona molto bene» -, che vedrà Julian impegnato prima a Rimini, dove due anni fa è stata rilevata la catena Luisa, e poi a Milano Marittima.

«A Rimini stiamo crescendo - conferma l'imprenditrice -. Dopo il restyling della boutique donna ora siamo pronti per aprire un punto vendita bimbo, Julian Kids. In seguito metteremo mano al punto vendita uomo, su cui non eravamo ancora intervenuti in maniera consistente».

Ci vorranno invece ancora due anni per vedere nascere a Milano Marittima il nuovo multimarca di 2mila metri quadrati, «quasi un department store», scherza Zabberoni, spiegando che il gruppo ha acquistato il terreno di un ex cinema all'aperto con annessi sei negozi, proprio davanti all'attuale punto vendita.

«Stiamo investendo molto sul futuro, ma non ci spaventa. Qundo c'è la passione si corrono volentieri anche dei rischi», conclude Zabberoni.

an.bi.
stats