Intesa con Not Just A Label

Più lusso per Zalando: e nel trimestre il Gmv cresce del 40%

Continua l'avanzata di Zalando alla conquista del segmento luxury. L’e-tailer tedesco ha annunciato che da settembre collaborerà con Not Just A Label, la realtà di designer e creativi leader a livello internazionale, che contribuirà a incrementare il network d’offerta in questa categoria.

Un altro step in avanti nel lusso, dunque, per Zalando, dopo che nel 2021 nella categoria Designer ha cooptato altri 50 brand, con nomi come Missoni, Christopher Kane e Mansur Gavriel, solo per citarne alcuni.

Per supportare questa strategia luxury-oriented il 29 agosto è stata lanciata una campagna marketing ad hoc, che insieme a Paesi come Germania, Francia, Spagna, Austria, Svizzera e Repubblica Ceca, ha interessato anche l’Italia.

«Da sempre l’italianità è sinonimo di lusso e innovazione. Per questo siamo contenti di poter offrire ai nostri clienti in Italia un assortimento di marchi luxury sempre più ampio e accessibile, migliorando anche l'esperienza d'acquisto - commenta Riccardo Vola, director Italy and Spain di Zalando -. Con l'inserimento di oltre 50 brand contemporanei solo nel 2021, facciamo un ulteriore passo verso il nostro obiettivo di diventare starting point for fashion e punto di riferimento per i clienti italiani, tra cui tantissimi della Generazione Z e Millennial».

Una strategia premiata dal mercato, stando alle performance messe a segno dalla piattaforma online di moda e lifestyle nel secondo trimestre, durante il quale il Gmv (Gross Merchandise Volume) è aumentato del 40% a 3,8 miliardi di euro.

La crescita è stata supportata dalla forte e continua domanda dei consumatori per i servizi online, dato che all’inizio del trimestre in alcuni mercati sono rimasti in vigore lockdown prolungati.

Zalando ha confermato l’outlook per il fiscal year 2021. La crescita del Gmv è fissata tra il 31 e il 36% a 14-14,6 miliardi di euro, mentre i ricavi sono previsti in aumento fra il 26 e il 31%, corrispondente a un range compreso fra 10,1 - 10,5 miliardi di euro, e un adjusted ebit tra i 400 e i 475 milioni.

Negli ultimi 12 mesi alla piattaforma si sono uniti più di 10 milioni di clienti attivi, permettendo a Zalando di contare 44,5 milioni di utenti attivi nel secondo semestre, con ciascun consumatore che - in media - ha effettuato cinque ordini.

«Ancora più della nostra eccezionale performance finanziaria nel secondo trimestre, il crescente coinvolgimento di clienti e brand sottolinea l’importanza della piattaforma Zalando sul lungo termine ed è una dimostrazione importante della nostra strategia di successo», commenta David Schröder, cfo di Zalando.

«Per servire ancora meglio consumatori e partner in futuro - ha aggiunto - siamo particolarmente entusiasti della partnership strategica con Sephora per elevare ulteriormente la nostra proposta di bellezza e dell’espansione della piattaforma in sei nuovi Paesi».

Il sito e-commerce è arrivato infatti anche in Lituania, Slovacchia, Slovenia, Croazia, Estonia e Lettonia.

a.t.
stats