la moda italiana @ kiev

Made in Italy in trasferta in Ucraina con Emi e Assocalzaturifici

Assocalzaturifici ed Emi-Ente Moda Italia coordinano la partecipazione di oltre 30 aziende del nostro Paese in occasione di La moda italiana @ Kiev, rassegna che oggi e domani (24-25 maggio) porta il made in Italy alla ribalta nell'Hotel Intercontinental della capitale ucraina, dopo un posticipo di un mese a causa delle restrizioni anti-Covid.

Partner dell'evento è Ice Agenzia, che convoglia sulla rassegna una trentina di buyer selezionati da tutto il Paese.

Come sottolinea Siro Badon, presidente di Assocalzaturifici, «il mercato ucraino è particolarmente importante per le calzature fatte in Italia, anche se la pandemia ha lasciato il segno».

Infatti, secondo il Centro Studi di Confindustria Moda nel 2020 l'export italiano del settore calzaturiero verso l'Ucraina è arretrato del 23,1% in valore e del 21,8% in quantità, con un lieve cedimento (-1,7%) del prezzo medio a paio.

«Sono però soddisfatto - sottolinea Badon - perché a Kiev portiamo non solo espositori abituali, che conoscono bene il Paese, ma anche nuove aziende È venuto il momento di dimostrare ancora una volta la grande resilienza delle nostre imprese, supportandole nell'internazionalizzazione e nei processi di trasformazione digitale».

Sulla stessa lunghezza d'onda Stefano Festa Marzotto, presidente di Emi-Ente Moda Italia, che afferma: «Questa kermesse rappresenta un segnale significativo per la ripartenza di un intero comparto. Sarà infatti la prima fiera all'estero a contemplare la presenza fisica degli espositori italiani».

A cura della redazione
stats