Lavori di ristrutturazione a rotazione fino al 2023

Per Rinascente di piazza Fiume a Roma parte un restyling da 37 milioni

A 60 anni esatti dalla sua apertura, il negozio Rinascente di piazza Fiume a Roma si prepara a un restyling da 37 milioni di euro: i lavori di ristrutturazione, partiti da un mese, saranno a rotazione (la struttura non sarà mai chiusa al pubblico) ed entro agosto 2023 porteranno a una trasformazione dell'immobile, che ospiterà 500 marchi e punterà su una nuova area food, oltre che sulle calzature donna e il beauty.

«Sarà uno spazio diverso da quello di via del Tritone, perché il nostro obiettivo è quello di collezionare negozi diversi dal punto di vista sia del layout, sia commerciale - spiega Pierluigi Cocchini, a.d. Rinascente -. Siamo pronti a fare tornare piazza Fiume centrale nel nostro portafoglio di negozi».

«Rifaremo la facciata, aggiungeremo un ascensore esterno, sarà rivalorizzato lo spazio garden e spelleremo il tetto, per ospitare il ristorante con vista panoramica sulla piazza», aggiunge il ceo, elencando le novità che saranno apportate all'immobile, progettato da Franco Albini e Franca Helg.

Il food sarà uno dei nuovi asset dello store, grazie un mercato gastronomico e alla collaborazione con Enoteca La Torre, per un ristorante su cui si ripongono grandi aspettative: «Prima del restyling - sottolinea Cocchini - il ristorante del negozio aveva fatturato al massimo 500mila euro l’anno. Ora ci aspettiamo di raggiungere almeno 3 milioni».

Ma per Rinascente Piazza Fiume anche la moda resta tra le priorità, con un'attenzione speciale sulle calzature, da uomo e da donna. In totale i marchi offerti saranno circa 500, sia del made in Italy sia internazionali.

L’investimento previsto è di 37 milioni di euro, «di cui 23 provenienti da Prelios, 9 da Rinascente e 5 dai brand partner per gli arredi - fa il punto Cocchini -. Entro la fine di quest’anno completeremo gli esterni e apriremo i primi tre piani (terra, quarto e sesto) con il nuovo format».

Il progetto di piazza Fiume conferma come il Covid-19 e il lockdown (che hanno impattato per il 40% sul fatturato del 2020) non abbiano fermato gli investimenti di Rinascente.

«A quasi un anno dal lancio dell'e-commerce - precisa - possiamo dirci soddisfatti dei risultati ottenuti, che ci spingono a prevedere di raggiungere 100 milioni di euro nei prossimi cinque anni con questo canale».

L’on demand sta dando grandi soddisfazioni: «Le vendite tramite Whatsapp e WeChat nel 2019 generavano 3 milioni, ma nel 2020 sono arrivate a 13 e nel 2021 prevediamo di toccare i 30 milioni».

L'iperattività del gruppo riguarda anche lo scouting di nuove possibili location: il manager conferma infatti che il gruppo sta valutando di aprire in città come Bologna, Venezia, Napoli e Verona.

an.bi.
stats