Le stime di Procos per aprile

Retail di moda in Francia: perdite oltre l’80% rispetto al 2019

La chiusura dei negozi “non essenziali” causa pesanti perdite anche in Francia. In aprile le vendite al dettaglio di abbigliamento hanno accusato un -86,2% rispetto all’analogo mese del 2019. Per quanto riguarda le calzature, la flessione è dell’89,2%, come riporta Procos.

La federazione francese del commercio specializzato ha rilevato che il settore ha subito complessivamente un calo del 63% rispetto ad aprile 2019, mentre le vendite online delle insegne sono cresciute del 57,5%.

Dal primo gennaio al 30 aprile la contrazione dei negozi specializzati risulta invece del 28% rispetto ai primi quattro mesi del 2019, che si confronta con il +79% delle vendite digitali.  

Procos, che rappresenta 300 insegne, nonché 60mila punti vendita che impiegano 750addetti, chiede che i negozi possano tenere aperto tutte le domeniche tra la riapertura programmata per il 19 maggio e la fine dei saldi. Inoltre auspica che la stagione degli sconti parta, come già previsto dalle regole in materia, il 23 giugno.

e.f.
stats