L'edizione invernale slitta di una settimana

Date più sostenibili nel 2021 per le rassegne del menswear italiane

Dopo una fashion week partita a ridosso dell'Epifania, Pitti Immagine e Camera della Moda Italiana annunciano le date invernali del 2021, che slittano di una settimana in avanti. Pitti Uomo si svolgerà dunque dal 12 al 15 gennaio 2021, seguito dalla Fashion Week milanese, dal 16 al 19 gennaio.

 

«Con la nuova pianificazione, gli eventi del menswear italiano recuperano una posizione in calendario più in sintonia con le agende di imprenditori, compratori e giornalisti del settore», spiega il comunicato congiunto diffuso dai due enti.

 

Come spiega Carlo Capasa, presidente di Camera Nazionale della Moda Italiana, le nuove date dovrebbero consentire di «consolidare e migliorare i positivi risultati registrati nelle ultime stagioni, restituendo una maggiore centralità a Firenze e a Milano nel calendario internazionale maschile. L’unicità e la forza della proposta italiana che unisce Firenze a Milano, oltre all’importanza della nostra industria nel mondo, richiedono la massima attenzione verso tutte le componenti del sistema globale della moda».

 

«Milano e Firenze insieme – aggiunge Claudio Marenzi, presidente di Pitti Immagine – promuovono i grandi marchi e le migliori aziende industriali italiane, ma hanno anche il dovere di rappresentare gli interessi di tutti i grandi buyer di alta qualità, che proprio nelle nostre manifestazioni trovano tanti dei loro più importanti clienti. Continueremo a monitorare l’evoluzione della distribuzione globale per offrire servizi sempre più sofisticati e avanzati».

 

Per l'occasione sono state rese note anche le date della stagione estiva del 2021, quando Pitti Uomo si svolgerà dal 15 al 18 giugno e la settimana della moda uomo dal 19 al 22 dello stesso mese.


Nella foto, un'immagine della recente edizione di Pitti Uomo, svoltasi dal 7 al 10 gennaio scorsi.

c.me.
stats