L'OBIETTIVO È ARRIVARE A DIECI STORE

Galeries Lafayette: un miliardo di fatturato in Cina entro il 2025

Dopo essere rientrato in Cina nel 2013 (dove mancava da 15 anni) con un megastore di 40mila metri quadri a Pechino attraverso la joint-venture con I.T. Group, Galeries Lafayette apre un altro punto vendita, questa volta a Shanghai, e alza l'asticella della sua presenza nell'ex Celeste Impero, annunciando nuovi, importanti investimenti.

Come ha dichiarato il ceo Nicolas Houzé, l'obiettivo è raggiungere entro il 2025 un miliardo di euro di fatturato in Cina, che «diventerà il secondo mercato più importante per Galeries Lafayette dopo la Francia».

Ad alimentare la crescita saranno anche le vendite realizzate attraverso il secondo negozio cinese della catena, inaugurato con un soft opening sabato scorso - 25mila metri quadri su cinque piani presso il nuovo T-Mall nel distretto di Pudong a Shanghai, sviluppati sempre in tandem con I.T. - ma anche dai nuovi spazi che fioriranno nei prossimi sei anni nelle piazze più importanti dello shopping made in China.

Sotto la lente ci sono centri come Guangzhon, Xiamen, Suzhou e Chongqing, ma non solo, come evidenzia il manager: «A Pechino possiamo contare su location molto ampie - ha spiegato Nicolas Houzé - ma abbiamo in mente anche negozi con metrature più contenute, tra i 10mila e i 15 metri quadri, in modo da velocizzare gli opening» (nella foto, lo store di Pechino aperto nel 2013).

a.t.
stats