moda protagonista nella capitale tedesca

Berlino fra tecnologia, sostenibilità e nuovi format

Non solo Parigi alla ribalta in questi giorni: c'è anche Berlino sotto i riflettori, il cui calcio d'inizio è stato dato la sera del 13 gennaio con lo show collettivo dei designer sudafricani, orchestrato da Mercedes-Benz, che ha celebrato i 25 anni dell'impegno globale del brand nella moda con la sfilata collettiva di Clive Rundle, Floyd Avenue, Rich Mnisi (nella foto) e Viviers presso la Kraftwerk.

Ieri sono iniziati i saloni, che si concluderanno domani: Premium alla Station Berlin con circa 800 espositori e i tre leitmotiv Responsible Future, Retail Experiences e Digitalization e, sempre sotto l'egida dell'ente organizzatore Premium Group, anche l'hub della moda contemporary Seek all'Arena Berlin, con new entry come Puma e l'area Trade Union da tenere d'occhio.

Premium Group è inoltre artefice di Fashiontech, programma di conferenze che si è svolto ieri e oggi tra l'Aletto Hotel e l'Arena Berlin con interventi, tra gli altri, di Andrea Baldo di Ganni, Derek Morrison di StockX e Ana Andjelic di Mansur Gavriel.

Berlino è infine sinonimo del salone Panorama, che ha lanciato il format Brand Avenue al Tempelhof in sinergia con la società Viewbox, e di Neonyt, una tre giorni orchestrata da Messe Frankfurt sempre al Tempelhof (all'Hangar 4), che si connota come la più grande exhibition al mondo in tema di moda sostenibile.

a.b.
stats