molto più di un orologio

Temera, Luxochain e Polygon insieme a Bulgari per il lancio di Octo Finissimo Ultra

Non chiamatelo (solo) orologio: il nuovo Octo Finissimo Ultra di Bulgari (nella foto), disponibile in edizione limitata di soli dieci pezzi, viene descritto dalla griffe come «un ecosistema globale che apre a nuovi mondi».

Realizzato in collaborazione con Temera, Luxochain e Polygon Studios e in partnership con Aura (fornitrice ufficiale della blockchain del brand), Octo Finissimo Ultra è dotato di un QR Code inciso sulla ruota d'arresto del bariletto, che consente a ogni proprietario di entrare nella sua realtà, esplorando il design, la storia e molto altro. In questo spazio esclusivo c'è posto, infatti, per interviste, estratti video su come Octo Finissimo Ultra è stato costruito, un tour virtuale in 3D sul movimento e un'esplorazione del concept visibile/invisibile collegato all'orologio.

Questo oggetto unico nel suo genere è frutto di un decennio di avanzamenti tecnologici, guidati da Fabrizio Buonamassa Stigliani, executive director of Product Creation di Bulgari.

Le sorprese non finiscono qui: a chi sceglierà Octo Finissimo Ultra verrà riservato un Nft (Non-fungible token), ossia un pezzo unico di arte digitale intrinsecamente collegato all'orologio. Questo Nft, come spiega un comunicato, «non può essere separato dal prodotto fisico, del quale rappresenta una garanzia di autenticità e unicità, insieme al certificato di proprietà del prodotto stesso».

«L'orologio e il lavoro artistico basato sull'Nft - prosegue la nota - sono rispettivamente legati a due smart contract a se stanti: Aura e Polygon. Tramite l'uso della blockchain i due contratti interagiscono e si intrecciano l'uno all'altro e questo, di nuovo, li rende inestricabilmente collegati».

Bulgari, Temera e Luxochain hanno presentato domanda per il brevetto Bulgari Singularity, in cui il prodotto e l'Nft sono legati tra loro con un terzo contratto, denominato Singularity, che sancisce l'indissolubilità dell'oggetto fisico, incluso il suo numero di serie registrato in un contratto sulla blockchain, e l'Nft del prodotto stesso, con informazioni uniche e immodificabili.

«Siamo onorati di far parte di questo progetto innovativo - commenta Guido Mengoni, cmo di Temera - che fonde le necessità del mercato con le nuove tecnologie emergenti». «L'obiettivo della creazione di un'esperienza unica e di grande valore sia per il brand, sia per il proprietario dell'orologio - aggiunge - viene raggiunto reinventando in forma digitale la peculiare combinazione del lavoro artigianale di nobile tradizione con tutta la creatività, imprenditorialità e passione del marchio».

Sandeep Nailwal, co-fondatore di Polygon, sottolinea che «vincolare i diritti di proprietà per attestare l'autenticità è un modo molto efficace di dimostrare la proprietà digitale verificabile e garantirla contro il rischio di contraffazione».

«L'obiettivo che ci poniamo - interviene Davide Baldi, ceo di Luxochain - è proteggere la reputazione del brand, creando impronte digitali per ogni prodotto e migliorando sia il processo di fidelizzazione, che quello di ricompensa tra il marchio e gli utenti finali. Con il nostro sistema, disponibile per iOS e Android, qualsiasi acquirente può utilizzare il proprio smartphone per verificare l'autenticità di ciascun articolo presso i punti vendita, online o nel mercato secondario in crescita». Al momento dell'acquisto, come spiega Baldi, l'utente riceverà un certificato di autenticità e proprietà registrato sulla blockchain e integrato nell'oggetto comprato.

A cura della redazione
stats