negli stati uniti

Salvatore Ferragamo e Amazon insieme contro i falsi

La contraffazione è sempre in agguato sui marketplace, Amazon incluso. Il colosso dell'e-commerce e Salvatore Ferragamo hanno intentato due cause congiunte negli Stati Uniti contro quattro persone fisiche e tre giuridiche che avrebbero cercato di mettere in vendita nei negozi online prodotti contraffatti a marchio Ferragamo. 

A esaminare la causa il tribunale del distretto occidentale di Washington. In ballo ci sono la violazione sia della proprietà intellettuale del marchio fiorentino che delle politiche di Amazon, che solo nel 2019 ha investito oltre mezzo miliardo di dollari per combattere le frodi.

La società fondata da Jeff Bezos utilizza inoltre programmi di protezione come Project Zero, Transparency e Brand Registry. Lo scorso giugno ha preso il via una Counterfeit Crimes Unit con un team dedicato, che lavora in sinergia con le forze dell'ordine.

Quanto a Ferragamo, l'anno scorso è riuscito a bloccare e far rimuovere 3 milioni di profili illegali dalle principali piattaforme di social media. Sono stati inoltre tolte dai siti di aste online 94mila inserzioni relative a falsi. Recentemente il marchio si è visto riconoscere dal Tribunale di New York un indennizzo di 2,8 milioni di dollari (nella foto da Instagram, un frame dell'advertising Ferragamo, affidato a Luca Guadagnino).

A cura della redazione
stats