Nel 2023 previsto un completo restyling

Franz Kraler, dagli store alla ricettività in alta quota: a dicembre apre il rifugio Ria de Saco

La novità di stagione di chiama Ria de Saco per Franz Kraler. La famiglia, a cui fa capo il noto multimarca di lusso a Dobbiaco e Cortina, in estate aveva annunciato l’acquisto di un rifugio in mezzo alle piste da sci, poco lontano da Cortina e ora è pronta a svelare in cosa consiste il suo nuovo progetto di ospitalità, che aprirà al pubblico in dicembre.

 

La struttura verrà trasformata in una location ricettiva esclusiva, pensata per ospitare eventi speciali organizzati con le grandi maison del lusso che già collaborano con i Kraler attraverso le loro storiche boutique. Anche il food farà parte del concept messo a punto come dimostra il coinvolgimento nel progetto dello chef Graziano Prest del Tivoli, ristorante di Cortina.

 

In questa prima fase il rifugio Ria de Saco sarà riaperto con soli piccoli ritocchi rispetto alla struttura originaria, ma già a partire dai primi mesi del 2023 verrà sottoposto a un completo restyling che porterà al raddoppio della superfice interna dell’area ristorante, che passerà dagli attuali 37 metri quadrati a 80 metri quadrati.

 

Il progetto prevede anche l’ampliamento della terrazza esterna del rifugio, ma soprattutto l’abbattimento di ogni barriera architettonica e presenterà numerosi aspetti di sostenibilità.

 

Per Franz Kraler l’ingresso nel mondo della sostenibilità rientra nella strategia di rafforzamento del marchio in vista delle Olimpiadi di Milano e Cortina del 2026.

Nella foto, tratta dal profilo Instagram di Franz Kraler, Franz e Daniela Kraler in compagnia di Graziano Prest di fronte al rifugio Ria de Saco 

an.bi.
stats