Dopo l'impasse del lockdown

Gaëlle Paris: al via i primi tre monomarca in Italia, tra Roma, Bari e Napoli

La crisi come opportunità: Gaëlle Paris, marchio dell'azienda pugliese Dream Project, sfida il momento difficile e riprende le fila di un discorso lasciato in sospeso la scorsa primavera, quando il lockdown aveva bloccato il progetto di apertura dei primi tre store del brand in Italia. Oggi quelle tre vetrine sono operative a Roma, Bari e Napoli.

La prima inaugurazione è stata a Roma, dove è stata inaugurata una boutique di 120 metri quadri nella centralissima via del Corso, al civico 61, seguita pochi giorni dopo da Bari, in via Argiro 108, e da Napoli, in via Filangeri 66, dove sono stati avviati altri due punti vendita che replicano lo stesso concept.

Un format che caratterizzerà tutti i monomarca Gaëlle Paris, con marmi neri e bianchi in contrasto con l'oro scelto per le cornici e gli arredi.

Partito come atelier dedicato esclusivamente all'universo femminile, Gaëlle Paris propone oggi un total look per uomo e donna, che affianca alla collezione di abbigliamento una proposta di accessori, tra cui borse e calzature.

Nata nel dicembre del 2009, Dream Project è il risultato della scommessa dei due fratelli Alessandro Fabio Bosso che, già nei precedenti 15 anni, avevano operato nel mondo del fashion, mettendosi alla prova fin da giovanissimi con la fast fashion, lanciando marchi propri. Oggi, spiega una nota, l'azienda fattura 40 milioni di euro.

Varata in tempi più recenti, prosegue il comunicato, Gaëlle Paris è presente oggi in Italia con circa 600 plurimarca su tutto il territorio e ogni anno cresce a doppia cifra.

Fuori dai confini nazionali la label è diffusa dal 2017 in Russia e, dalla primavera-estate 2018, è approdata in Cina e nelle Ex Repubbliche Sovietiche grazie ad una rete di distributori internazionali.

c.me.
stats