Nel primo semestre del 2021

Ottimismo per l'occhialeria: il settore si avvicina ai valori pre-Covid

Torna l'ottimismo tra i player dell'occhialeria italiana. Secondo quanto riportano i dati di Anfao relativi al periodo gennaio-giugno 2021, le montature da vista guidano la ripresa nel mercato estero, mentre le lenti oftalmiche prosperano in Italia. Tutti in ripresa i principali mercati, per alcuni dei quali siamo già ai livelli del 2019.

Le esportazioni, che valgono circa il 90% della produzione del settore, hanno totalizzato 2.034 milioni di euro, con una crescita di oltre il 52% sullo stesso periodo del 2020, e solo 4 punti percentuali al di sotto dei valori del 2019.

La progressione ha interessato in particolare il comparto delle montature, con le vendite all'estero che nel periodo hanno già superato i valori del 2019.

Meno brillanti le vendite oltreconfine di occhiali da sole, che recuperano sul 2020, ma sono ancora in svantaggio rispetto al 2019 (-6,7%).

Tenendo presente l’andamento mensile delle esportazioni, si nota quanto sia simile a quello del 2019, fino a superarne i valori nei mesi di aprile e giugno.

Analizzando l'andamento dal punto di vista geografico, le esportazioni hanno recuperato bene in tutte le aree rispetto al 2020.

Ma ciò che balza agli occhi è la performance in valore messa a segno rispetto allo stesso periodo del 2019 verso Europa (+55,6%) e America (-4%), che insieme assorbono ben oltre l’80% delle esportazioni totali del settore.

Per quanto riguarda il mercato interno, nel primo semestre del 2021 i segnali sono incoraggianti. Rispetto al 2020 la ripresa è netta, con le vendite presso il canale ottico evolute in valore di oltre 30 punti percentuali, ancora al di sotto dei valori dello stesso periodo del 2019 di circa il 4%.

Una dinamica che rispecchia l'andamento generale del mercato dell’ottica italiano degli ultimi anni, in cui si assite a una crescita trainata dalle lenti oftalmiche (e al loro interno dal segmento a maggior valore aggiunto – le lenti progressive) e in parte dalle montature. Recupera l'occhiale da sole, ma siamo ancora lontani dai valori del 2019.

In questo scenario sarà da tenere d'occhio il canale online, in crescita alla voce occhiali da sole, grazie alla digitalizzazione del settore.

Alla luce dei valori riscontrati nel primo semestre del 2022, Anfao ha rivisto al rialzo le previsioni per il 2021. Se il trend si mantenesse costante, il settore potrebbe arrivare al traguardo del 2021 con una crescita tra lo 0,5% e l'1% rispetto al 2019, sia per le esportazioni che per la produzione.

«Avevamo previsto un 2021 di transizione, ancora sottotono in attesa di vedere un recupero dei valori pre-Covid solo nel 2022 - dichiara il presidente di Anfao Giovanni Vitaloni, presidente di Mido e Anfao -. I dati del primo semestre ci consentono, invece, di ritoccare in meglio le previsioni fino a pensare di raggiungere già a fine anno i livelli del 2019. Anche alle fiere di settore che finalmente si riaffacciano ai mercati, pensiamo ad esempio al DaTE o al Silmo, tenutosi pochissimi giorni fa, si respira aria di ripresa e volontà di ricominciare. Sotto questo punto di vista sono ottimista per la prossima Mido, che seppure ancora in un clima di convivenza con la pandemia, potrà rappresentare davvero un momento di rilancio importante».

Nella foto, un'immagine di Missoni eyewear, licenza di Safilo

c.me.
stats