NELLA SEDE DI MONOPOLI

Rino Petino pronto all’inaugurazione di una showroom 4.0

Manca poco alla fine dei lavori per l’allestimento della nuova showroom di Rino Petino a Monopoli (Bari), prevista per il prossimo 19 maggio ma concepita già nel 2019, con un fisiologico rallentamento nel 2020 dovuto al Covid.

«Questo è stato il nostro primo grande progetto 4.0, di cui avevamo iniziato a parlare insieme ad Adidas, pensando da subito a uno spazio evoluto», spiega Francesco Petino, master coordinator dell’agenzia di rappresentanza dotata di servizi innovativi e strutturati per i clienti che hanno avviato un percorso avanzato di trasformazione digitale. Rino Petino ha all’attivo una partnership 45ennale come agente di commercio del brand di active sportswear: un’intesa terminata lo scorso 30 aprile a causa di una riorganizzazione della rete europea del marchio.

«Fin dall’inizio - prosegue il manager - l’intento è stato quello di creare uno spazio in grado di offrire una customer experience innovativa, con un allestimento fortemente digitalizzato e con l’obiettivo, contestualmente, di una forte rimodulazione dell’impatto ambientale».

Dopo il sign-off per effettuare l’investimento nel dicembre 2019 e l’arrivo del Covid, gli ordinativi dei materiali erano già andati avanti, «ragion per cui abbiamo avuto la possibilità, grazie alla disponibilità dei nostri partner, di pensare di terminare l’opera prima di fine maggio».

«Abbiamo voluto portare avanti gli impegni presi due anni fa con imprese e fornitori - afferma il master coordinator della società - perché auspichiamo che il nostro mix innovativo di people, know how e showroom possa essere interessante per aziende alla ricerca di un partner commerciale nel mondo degli sporting goods e del lifestyle».

La showroom si estenderà su 1.200 metri quadri all’insegna della versatilità di ambienti e allestimenti: potranno essere esposte fino a 15mila referenze e non mancheranno 15 monitor a 75 pollici interattivi ultra HD touch insieme a due mega schermi Led, tutti interconnessi da remoto, in modo da poter effettuare anche sell-in virtuali di gruppo in modalità live.

È stato inoltre messo a punto un sistema illuminotecnico su misura, realizzato da Anlight, con il duplice intento di aumentare la qualità dell’illuminazione e ridurre i consumi fino all’80%.

«Il nostro primo impegno, quando abbiamo appreso che l’agreement con Adidas si sarebbe interrotto - spiega Francesco Petino - è stato voler mantenere intatto il nostro organico, che è il nostro patrimonio primario. Mettiamo sempre al primo posto nella nostra vision e nella mission il fattore umano».

 

A cura della redazione
stats