Nonostante il crollo delle vendite giapponesi

Kering inaugura una nuova sede a Tokyo

Nuovo quartier generale giapponese per Kering. Il building si trova a Tokyo, nella nota destinazione dello shopping Omotesando, dove sono già presenti con i loro store marchi del gruppo come Gucci, Saint Laurent e Boucheron.

Non solo: Alexander McQueen si è riposizionato nell’area il mese scorso, Balenciaga aprirà uno dei suoi più grandi flagship al mondo in novembre e nel 2021 sarà la volta di Bottega Veneta, che aprirà una boutique disegnata dal creative director Daniel Lee nel Kering Building.

L’edificio - di oltre 2.500 metri quadrati di superficie, di cui quasi 1.500 destinati a uffici (ma alcune attività resteranno nella sede, che sarà rinnovata) - è stato acquistato da Kering nel 2019 insieme a un partner del real estate.

Inizialmente progettato nel 2004 dall’architetto Toyo Ito, ha una facciata particolare, che richiama gli alberi Zelkova, che connotano il celebre viale.  

Gli interni degli uffici, su quattro piani, sono stati curati dall’architetto Fara Taraie.  Al sesto piano Kering e i brand i portafoglio potranno realizzare vari eventi, come i talk Women In Motion e gli appuntamenti dedicati alla sostenibilità. Il primo Women In Motion talk sarà con la regista giapponese Naomi Kawase, che lancerà il nuovo film True Mothers, con l’attrice protagonista Hiromi Nagasaku e l’attore Arata Iura.

In base ai numeri di fine giugno, Kering realizza l’8% del suo fatturato globale nel Paese del Sol Levante, dove conta 224 store a gestione diretta (quasi come in Nord America). Nel primo semestre le vendite nell’area hanno registrato globalmente un calo del 40%, su cui pesa il -62% del secondo trimestre.

e.f.
stats