faccincani: «Crescere double digit nel 2020 è possibile»

Moorer amplia il prodotto e in negozio è l'ora della shopping assistance

Nel fiscal year 2019 Moorer, brand del made in Italy specializzato in piumini e outerwear, ha realizzato un fatturato in linea con il 2018 e un ebitda in progress del 10%, ma il patron Moreno Faccincani vuole fare di più nel 2020, nonostante un'impasse chiamata Covid.

L'imprenditore prevede infatti una crescita di fatturato a doppia cifra, sostenuta da investimenti sui fronti tecnologico e organizzativo. «Il 2019 ci ha reso fiduciosi - dice - fornendoci lo stimolo per fare di più sotto molti punti di vista, dalle tecnologie alla comunicazione, fino all'offerta e ai canali di vendita».

Sul fronte prodotto è in atto un ampliamento dell'offerta al maschile, che ha già portato alla realizzazione di capi in denim, maglieria, cinture, piccola pelletteria e alcuni modelli di sneaker. La donna sta seguendo lo stesso iter e per la primavera-estate 2021 è pronta ad arricchirsi di nuove proposte tra cui abiti, pantaloni e, come per l'uomo, knitwear e jeans.

Intanto è stata riaperta la boutique di via Montenapoleone 21 (nella foto) dopo un restyling, nel rispetto delle norme di sicurezza stabilite dal Governo. Un reopening accompagnato da un nuovo progetto di shopping assistance, basato su un supporto per gli acquisti a distanza gestito dal personale del negozio e dalla consegna a domicilio della merce acquistata.

Non solo. Uno store assistant è disponibile a raggiungere i clienti a casa, portando con sé una selezione di capi da visionare.

In un'ottica omnichannel, il modello piò essere prenotato online e provato nel punto vendita, adibito anche al ritiro degli abiti comprati in Rete. 

a.c.
stats