nuovi provvedimenti

Global Blue: «Ecco cosa cambia con la fattura Tax Free Shopping in chiave elettronica»

Un impegno congiunto, «che ha consentito di ottenere le migliore procedura possibile, all'avanguardia in Europa»: così Stefano Rizzi, country manager di Global Blue Italia, a proposito del provvedimento che stabilisce le modalità e i contenuti semplificati di emissione della fattura in formato elettronico per la vendita di beni sotto regime di Tax Free Shopping.

 

Con il nuovo sistema, ogni singola operazione di acquisto Tax Free verrà ricondotta al turista attraverso un codice alfanumerico, generato inserendo data di nascita e numero di passaporto, senza che siano più necessarie altre informazioni, quali l'indirizzo di residenza o di domicilio.

 

Nel prossimo futuro il viaggiatore si presenterà in aeroporto con il solo passaporto, senza altri moduli cartacei. Infatti, al momento di lasciare il nostro Paese, l'acquisto effettuato, che nel frattempo sarà stato vagliato dal sistema Otello (Online Tax Refund at Exit: Light Lane Optimization) per un'analisi preliminare del rischio, verrà ricollegato univocamente al passaporto della persona in questione, consentendo di completare la procedura di rimborso.

 

Rizzi fa notare come il provvedimento sia frutto di un lavoro intenso, durato anni, sotto la Direzione centrale tecnologie per l'innovazione dell'Agenzia delle Dogane e dei Monopoli e del suo direttore, Teresa Alvaro, in concerto con il direttore dell'Agenzia delle Entrate, Enrico Maria Ruffini e con la costante partecipazione di Global Blue al tavolo istituzionale e-Customs-Otello 2.0.

 

«Grazie a questo esempio concreto di collaborazione tra pubblico e privato - commenta il country manager di Global Blue Italia - i commercianti potranno sfruttare ulteriormente le potenzialità del Tax Free Shopping, aumentando le proprie vendite, e lo Stato sarà in grado di effettuare in modo innovativo i controlli necessari per ridurre le frodi Iva e i costi connessi alle ispezioni doganali. I turisti internazionali, ricevendo un servizio unico e di elevato livello, vivranno la migliore shopping experience nel nostro Paese».

 

Tutti i retailer italiani che usano il Tax Free dovranno adottare il nuovo sistema di emissione e trasmissione della fattura entro il prossimo primo settembre «e in quest'ottica - prosegue Rizzi - ci siamo dotati di tutti gli strumenti per dialogare con il sistema digitale Otello».

 

Tra l'altro, nei Chioschi Global Blue (nella foto) presso gli aeroporti di Malpensa e Fiumicino i traveller possono richiedere e ottenere la validazione digitale doganale già dallo scorso anno.

 

«I turisti internazionali assegnano alla semplificazione delle procedure Tax Free un peso importante nella scelta del Paese europeo in cui fare shopping - conclude il manager - dove arrivano a fermarsi anche due o tre giorni in più rispetto alle altre mete visitate».

 

stats