Parlano Rosso e Ruffini

Milano: per la moda è capitale d’Europa

«La fashion week sta diventando davvero un punto di riferimento fondamentale nel settore e Milano è sulla strada giusta per diventare la capitale europea della moda. Sta facendo molto bene così, come ha dimostrato questa edizione». Questo il commento di Renzo Rosso presidente del gruppo Only the Brave (Otb), sul finale della kermesse milanese, a cui ha partecipato (unico gruppo italiano) con tre sfilate: Jil Sander, MM6 e Marni.

Rosso parla anche di trend in crescita: «Nei mesi passati abbiamo sofferto tanto con le chiusure a causa della pandemia. Oggi le persone hanno voglia di cambiare, divertirsi, uscire e vestirsi, per cui vedo certamente uno spin positivo che ci permetterà di tornare ai livelli pre-pandemia e magari di superarli».

«Ho percepito la voglia di vedere e toccare con mano la moda e di partecipare a questo evento unico. Tutto fa presumere che le cose stiano davvero cambiando e ci attendano giorni migliori, che di certo aiuteranno a dimenticare i difficili tempi trascorsi. Otb ha target molto ambiziosi per i prossimi anni, con una previsione di crescita organica del 20% anno su anno».

In occasione di Mondo Genius - evento digitale del 25 settembre, programmato in cinque città del mondo per presentare la visione di Moncler di 11 designer - il presidente e ceo del gruppo Remo Ruffini ha dichiarato a corriere.it: «L’energia di Milano? Mi piace pensarlo come un Rinascimento: per la moda, la città e il Paese. Questa fashion week, che sta riscuotendo un successo quasi inaspettato, è la vetrina. Ma tanto, tutto, è stato un divenire».

«Quando parlo di evoluzione - ha aggiunto - penso sì al mio brand e al progetto di Genius ma anche a tutto il resto. Ogni anno è stata una storia di step avanti, tenendo il baricentro a Milano che oggi più che mai, grazie anche a questo governo, sta dando il meglio».

A proposito del Rinascimento della città, Ruffini ha precisato: «Lo vedo dai ristoranti, dove non trovi un posto, dai negozi, dalla gente in giro. C’è vitalità. Diventerà la vera capitale d’Europa. Dobbiamo solo dare un po’ di sicurezza ancora agli investitori e ai cittadini stranieri: così sono convinto che potrebbe davvero essere capitale. Milano se lo merita».

Secondo l’imprenditore l’Italia è stata bloccata per anni da una gestione governativa e statalista che ha bloccato investitori e turismo. «Credo che Mario Draghi sia l’uomo che ha dato la forza e la stabilità giusta - ha concluso - in un momento storico in cui in Europa la crisi è ovunque, con la cancelliera Angela Merkel in uscita e la Francia in una situazione non bellissima». 

e.f.
stats