Pelle e calzature i più dinamici

Personal luxury goods: l’Altagamma Consensus stima un +5% per il 2019

I consumi di personal luxury good dovrebbero continuare a crescere del 5% nel 2019, sostenuto dal +7% di calzature e accessori in pelle e dal +5% di profumi e cosmesi.

L’anno prossimo i consumi di gioielli e orologi di lusso dovrebbero salire del 4%, mentre per l’abbigliamento è previsto un +2% dall’Altagamma Consensus 2019, un report presentato oggi 15 novembre a Milano in occasione dell’appuntamento Osservatorio Altagamma 2018 e realizzato con la collaborazione delle maggiori società di consulenza e gli uffici studi di note banche nazionali ed estere.

Con un +5% atteso, di fatto il comparto mantiene lo stesso ritmo (a cambi costanti) del 2017 e della stima degli analisti sul 2018. «Questa previsione conferma che i consumi mondiali dei personal luxury goods vantano una crescita costante e solida», ha osservato Armando Branchini, segretario della fondazione che accorpa le imprese dell’alta industria culturale e creativa italiana.

A livello di mercati, l’Asia spicca con un +10%: una performance che risente della diminuzione dei dazi alle importazioni.  

Segue il Giappone (+5%). La crescita in Nord America dovrebbe risultare del 4%, mentre in America Latina è ipotizzato un +1%. In Europa si prevede un +3% e in Medio Oriente un +2%.

«Mai come quest’anno è difficile fare previsioni - ha commentato Andrea Illy, presidente di Altagamma, all’apertura del 17esimo incontro per l’Osservatorio Altagamma -. Stavamo uscendo dalla crisi ora ci siamo tornati dentro», ha affermato ricordando che l’incertezza e la perdita di fiducia impattano sui consumi. Dobbiamo infondere fiducia a livello privato e pubblico per dare impulso agli investimenti e creare delle partnership fra pubblico e privato per colmare i gap dell’Italia nell’istruzione e nella digitalizzazione.

e.f.
stats