pelletteria

Mipel ai blocchi di partenza: più sinergia tra buyer e creativi emergenti

Tutto è pronto, a Fiera Milano-Rho, per la 109sima edizione di Mipel. Dal 14 al 17 febbraio il salone internazionale della pelletteria, con la regia di Riccardo Braccialini e Roberto Briccola, porta nel padiglione 10 oltre 300 brand provenienti da tutto il mondo. E scommette sul link tra negozi top e giovani designer.

 

La rassegna occuperà una superficie di 10mila metri quadri, al piano terra: una scelta che rafforza la sinergia tra il salone e la kermesse delle calzature TheMicam, di scena negli stessi giorni, facilitando l'accesso tra le due manifestazioni.

 

Durante la quattro giorni sono attesi 12mila compratori internazionali, grazie anche l'incoming di delegazioni straniere, con il supporto del Ministero per lo Sviluppo Economico e di Ice-Italian Trade Agency.

 

Tra le novità più importanti di questo appuntamento spicca il progetto Scenario, rivolto ai new brand e alle più interessanti realtà emergenti: una nuova sezione espositiva, ispirata ai quattro elementi aria, fuoco, terra e fuoco. Protagonisti, tra gli altri, marchi come Azzurra Gronchi, Filippo Fanini, La Tilde, Giancarlo Petriglia e Trakatan.

 

Un percorso multisensoriale che culmina nella zona The Glamourous, sintetizzata nel quinto elemento, l'amore, metafora dell'incontro tra cinque buyer affermati e altrettanti designer.

 

I retailer "adotteranno" infatti cinque giovani, dando visibilità alle loro creazioni, sia all'interno dell'area dedicata in fiera, sia nelle vetrine dei propri store.

 

Ecco le "coppie": Animadverte e Pupi Solari, Corsoundici e Biffi, Hiboy e Tessabit, Is di Ioanna Solea e La Tenda, Simona Tagliaferri e Daad Dantone.

 

stats