Per il broker Usa il settore non è più di moda

Morgan Stanley mette k.o. il lusso europeo

Imaxtree

A cancellare l'effetto benefico della trimestrale di Lvmh (+10% le vendite del periodo) sulle Borse europee ci hanno pensato gli analisti di Morgan Stanley che, in un report odierno dal titolo Beni di lusso: non più di moda, hanno tagliato il rating sul settore da "in line" a "underweight" (ridurre l'esposizione), affossando i titoli delle principali aziende quotate del comparto.

Milano perdono terreno Moncler (-9,2%), Salvatore Ferragamo (-3,75%), Brunello Cucinelli (-7,8%) e Aeffe (-3%). Listini a picco anche a Parigi, dove Lvmh cede il 7,28%, Hermés (nella foto) il 4,5% e Kering addirittura l'8,65%, e a Londra, con Burberry che incassa un -7,6%. 

Secondo il broker Usa, è la Cina una dei tasti dolenti del settore: un rallentamento del mercato cinese rappresenta il rischio principale per Morgan Stanley, che sottolinea come al lieve decremento delle vendite retail previste nel Paese asiatico nel secondo semestre 2018 potrebbe seguire un moderato rimbalzo a inizio 2019.

an.bi.
stats