Per un e-shopping consapevole

Net-a-Porter vende la moda sostenibile su Net Sustain

Net-a-Porter lancia Net Sustain: una piattaforma per promuovere e celebrare i brand che soddisfano i criteri di sostenibilità.

Nella fase di lancio sono oltre 300 gli articoli di moda venduti nella sezione del portale del Gruppo Yoox-Net-a-Porter (Ynap), di proprietà della holding elvetica Richemont. Stella McCartney, Veja, Mother of Pearl, Nannacay, Mara Hoffman, Magie Marilyn, Bassike, Chopard: sono solo alcuni dei brand della vetrina di Net Sustain che soddisfano almeno uno dei cinque requisiti all’insegna della sostenibilità fissati dal portale per la selezione.

Tra questi il fatto che i capi devono impiegare materiali «coltivati in un modo da tenere conto del benessere delle persone, degli animali e dell’ambiente». Quindi presentano certificazioni come Global Organic Textiles Standard, Organic Content Standard, Cotton Made in Africa, Better Cotton Initiative, Responsible Wool Standard e Responsible Down Standard. La stessa Ynap, spiegano dall’azienda, far parte del Fur Free Retailer Program internazionale, della Fur Free Alliance (FFA).

I processi produttivi ammessi sono solo quelli che «riducono al minimo gli impatti ambientali e garantiscono la salute del lavoratore e del cliente» (attestati da certificazioni come Bluesign, Oekotex, Nordic Swan, EU Ecolabel e Leather Working Group).

Inoltre è importante che i prodotti siano stati realizzati «impiegando materiali rigenerati o riutilizzati e tenendo presente la circolarità» (come da certificazioni Global Recycle Standard, Recycled Claim Standard, Cradle to Cradle, per citarne alcune) o che si tratti di produzioni locali (almeno il 50% della produzione deve avvenire nel Paese di origine).

Non ultimo deve trattarsi di collezioni che mostrano abilità artigianali uniche, «che aderiscono ai principi del commercio equo e investono nelle comunità» (tra gli standard di certificazione Fairtrade, Fair for Life, The World Fair Trade Organisation e Fair Trade Certified).

«Questo è un importante traguardo nel percorso di sostenibilità di Net-a-Porter – commenta Elizabeth von der Goltz, global buying director dell’e-tailer di lusso -. Abbiamo sempre desiderato offrire ai nostri clienti i migliori prodotti e consentire loro di fare scelte consapevoli. La nostra selezione di moda consapevole offre le conoscenze di cui hanno bisogno. Possono fidarsi del fatto che questi brand sono stati attentamente esaminati e soddisfano i nostri criteri di inclusione». «L’obiettivo - conclucde - è dare voce ai marchi che stanno apportando cambiamenti positivi, fornendo loro una piattaforma per evidenziare al meglio le loro pratiche virtuose».

e.f.
stats