A Milano debutta il format Air Snake

Il ceo Cocchini: «I giovani? In Rinascente hanno trovato la loro destination»

La carta migliore di Rinascente? I Millennials. Le nuove generazioni sono sempre più importanti per la catena di grandi magazzini italiani, che fa capo a Cental Group, il colosso del retail thailandese che ha da poco preso il controllo di Selfridges. «La Gen Z, che tutti dicono non amare granché lo shopping fisico, è è presenza fissa nei nostri store, tanto da condizionarci sempre di più nelle scelte strategiche», dice il ceo Pierluigi Cocchini in un'intervista pubblicata sul numero di Fashion in distribuzione in questi giorni e sfogliabile anche in versione e-paper su fashionmagazine.it.

 

«Dei 2,5 milioni di Rinascente card attive, il 41% è in mano a under 40 e il 15% a clienti di età compresa tra i 18 e i 26 anni, ma potrebbero essere anche di più, se fosse consentito rilasciare tessere agli under 18», prosegue il manager aggiungendo l'intenzione del department store di mettere in campo, in tutti e 11 i negozi  in Italia, una serie di azioni per potenziare il ruolo dei giovani consumatori nella crescita futura della società.

 

Come spiega Cocchini nel lungo Q&A sono diverse le novità che concorrono alla "giovanillzazione" della catena, dal lancio dell'e-commerce ai nuovi conceprt retail come il Beauty Bar aperto nella parte Annex del flagship store di Milano. «Si tratta di un'area dedicata a profumi e cosmetici, che stiamo estendendo a tutti i negozi. Non ci sono i grandi brand che si trovano entrando da piazza Duomo, ma marchi magari poco conosciuti, originali nella formulazione e nel packaging, spesso sostenibili».

 

Un altro format innovativo a cui Rinascente sta lavorando è quello che sarà lanciato a febbraio, proprio durante la fashion week donna: si chiamerà Air Snake e sarà un'area esperienziale al piano -1 nel segno dell'interattività. «Sarà dedicata a progetti speciali, che cambieranno a rotazione. La prima operazione sarà legata alla moda, con un brand al debutto in Italia», anticipa Cocchini.

 

Per instaurare un dialogo con le nuove generazioni c'è anche il canale e-commerce, lanciato da Rinascente in piena pandamia e come informa Cocchini è ancora in piena fase sviluppo. «Ci vorranno anni, probabilmente almeno cinque, per arrivare alla piena maturazione di questo canale, che nel 2021 ha comunque contribuito per 15 milioni di euro al giro d'affari complessivo del gruppo. Un risultato non da poco, se consideriamo che all’interno della boutique online non sono ancora presenti i main top brand, che invece ospitiamo all'interno dei negozi fisici. Un gap che colmeremo proprio quest'anno, diventando a tutti gli effetti un marketplace».

 

Cocchini è convinto che l'anno chiave per la svolta del settore moda sarà il 2023, ovvero quando si potrà tornare a viaggiare con maggiore libertà. «Pensiamo che il 2022 sarà certamente un anno positivo, ma temo che non riusciremo ancora a tornare sui livelli pre-pandemici. La svolta arriverà solo con il ritorno dei turisti stranieri, specie quelli cinesi, che per noi sono determinanti e che non prevediamo possa avvenire a breve. Abbiamo messo in agenda il comeback dei turisti asiatici non prima dell'ultimo quarter del 2022».

an.bi.
stats