Pronto entro tre anni

Il Gruppo Ovs apre in Puglia un nuovo polo di innovazione tecnologica e della circular economy

Un polo votato all’innovazione  tecnologica e  un  centro  multifunzione, in ottica di sostenibilità ed economia circolare: il Gruppo Ovs ha presentato un progetto che mira alla Puglia, dove nascerà entro tre anni un nuovo impianto di eccellenza. Previsti un investimento di 19 milioni di euro di risorse dedicati al digital e altri 14 per lo sviluppo di sistemi innovativi a sostegno della crescita del gruppo.

Si prevede che a regime saranno assunte in totale 125 persone, tra cui laureati con competenze  nel mondo del digitale, dell’intelligenza artificiale e della cybersecurity e figure specializzate dedicate alla rilavorazione dei capi e delle attività nel centro multifunzione.

In questo polo il gruppo concentrerà la maggior parte delle sue iniziative per lo sviluppo di progetti ad alto contenuto digitale, mentre in parallelo sorgerà  un  impianto innovativo destinato ai temi che riguardano il riutilizzo dei capi in chiave di economia circolare.

Come spiega una nota, l’iniziativa  è  stata  realizzata  grazie al Contratto di Programma della  Regione  Puglia, mirato alle grandi imprese, che consente all’azienda di aumentare la portata degli investimenti e nel contempo di elevare il tasso di innovazione dei  progetti, grazie alla collaborazione con i distretti tecnologici presenti  sul  territorio. Inoltre, chiarisce il comunicato, valorizza le sinergie tra aziende innovative e territorio anche tramite l’utilizzo dei fondi europei destinati a supportare parte degli investimenti complessivi.

«Abbiamo scelto di investire in questa regione - spiega Stefano  Beraldo, amministratore delegato del Gruppo Ovs - vista la presenza di un ecosistema di poli industriali e imprese con  specializzazioni  rilevanti, che riguardano il settore dell’abbigliamento-moda. La partnership con il  Politecnico di  Bari ci offre inoltre l’opportunità di valorizzare le competenze del territorio». 

«Sono certo - ha concluso - che questo progetto sarà in grado di generare un impatto positivo, sia sotto il  profilo  produttivo sia sotto quello  sociale, e consentirà di creare ulteriori opportunità di crescita anche in futuro».

«La Puglia è una terra in piena fase di sviluppo, capace di offrire opportunità di lavoro per i giovani e concrete prospettive di crescita professionale - spiega Michele  Emiliano, presidente della Regione Puglia -. Se grandi imprese come Ovs scelgono di investire qui è anche in seguito alle misure di supporto che mettiamo in campo come Regione Puglia e alla sinergia con i Comuni, Università, Politecnico e centri di ricerca».

c.me.
stats