Resta da valutare l'offerta economica

Galleria Vittorio Emanuele: solo Moncler in gara per l'Urban Center

Moncler è l'unico candidato ad occupare 748 metri quadrati dello spazio in Galleria Vittorio Emanuele II quasi all'angolo con piazza Scala, dove attualmente si trova l'Urban Center. Ieri, 28 novembre, la commissione ha aperto la busta relative alle offerte tecniche, contenente solo l'offerta del marchio capitanato da Remo Ruffini.

Si tratta di un affitto di 18 anni a canone di mercato, che comprende anche la manutenzione ordinaria e straordinaria dello spazio. In assenza di concorrenti, l'esito della candidatura di Moncler è legato alla congruità dell’offerta economica, che sarà valutata entro 15 giorni.

La base d’asta fissata da Palazzo Marino per il canone d’affitto dell’Urban Center è di quasi 1,2 milioni di euro all’anno, per l’esattezza 1.196.800 euro.

Questo centro multimediale per l'informazione e la partecipazione sui progetti di sviluppo del territorio verrà ricollocato, in una versione più innovativa e ampia, all'ingresso della Triennale. Per progettarlo è stato indetto un concorso in collaborazione con l'Ordine degli Architetti. Previsto anche il trasferimento per l'infopoint per i turisti.

Nei giorni scorsi, la Galleria Vittorio Emanuele II è stata protagonista delle cronache con la notizia del via libera all’arrivo di Yves Saint Laurent nel salotto buono di Milano, dopo che il Tar della Lombardia aveva bocciato i ricorsi presentati da Luxottica e Moreschi, in seguito alla vittoria della gara per aggiudicarsi uno spazio di circa 80 metri quadrati da parte della griffe francese.

an.bi.
stats