Restyling in più fasi in piazza Repubblica

Rinascente investe 12 milioni su Firenze

La strategia scelta da Rinascente di rendere ogni suo negozio unico, partendo dalla città che lo ospita, fa tappa a Firenze, dove il retailer ha presentato il progetto di restyling del punto vendita di piazza della Repubblica, per il quale saranno investiti 12 milioni di euro: una cifra che sale a 15 milioni, se si tiene conto degli investimenti sostenuti dai brand coinvolti nel progetto.


«Siamo in questa città dal 1996 - fa il punto l’amministratore delegato Pierluigi Cocchini - e ci siamo resi conto che ormai non eravamo abbastanza in sintonia con il suo pubblico. Così abbiamo deciso di intraprendere un progetto di riqualificazione, dandoci come obiettivo quello di sorprendere non solo i turisti, ma anche i clienti locali. A tutti daremo un motivo in più per visitare il negozio».

«Qui la novità sarà il focus su marchi legati all’artigianalità, che verranno contaminati con i brand del lusso famosi a livello globale - prosegue il manager -. Le eccellenze fiorentine e toscane avranno grande spazio con la pelletteria, che posizioneremo all’ingresso, ma non solo. Abbiamo scoperto piccole realtà in diversi settori, dalla profumeria all’oggettistica».

Il restyling coinvolgerà tutti gli spazi, le vetrine, la terrazza e i sei piani, garantendo però l’apertura dello store durante tutto il periodo dei lavori di rinnovamento: «Avremmo potuto chiudere tutto l’edificio per un anno e mezzo, ma così sarebbe andato perso il contatto con la città. Così abbiamo preferito procedere per fasi», spiega Cocchini.

La ristrutturazione, iniziata nel settembre 2018, verrà ultimata completamente nell'ottobre dell'anno prossimo. Si è iniziato dal quarto piano, dedicato alla moda donna, i cui lavori si sono conclusi in questo mese di febbraio. 

A metà luglio sarà la volta del terzo piano, sempre focalizzato sul womenswear. Da agosto a metà ottobre 2019 si svolgeranno i lavori del secondo piano (uomo), mentre a metà marzo 2020 riaprirà il primo piano rinnovato (uomo), seguito a giugno dello stesso anno dal piano -1 (cosmetica). Il restauro terminerà a ottobre 2020 con il piano terra, dedicato agli accessori.

Il progetto dell’amministratore delegato e del suo team è quello di rendere Rinascente Firenze molto simile a un multimarca, anche in considerazione delle dimensioni ridotte dello spazio: 3.300 metri quadrati circa. 

Nessuno shop in shop ma alcuni spazi a rotazione, dedicati a marchi e progetti speciali. Collaborazione stretta con le aziende per la realizzazione di collezioni in esclusiva. Il tutto raccontato al consumatore attraverso una grande attenzione allo storytelling: «L’offerta resta comunque commerciale, perché non vogliamo darci un’impostazione da concept store. Se questa formula avrà successo, potremmo estenderla ad altre città di provincia».

Il quarto piano della nuova Rinascente di Firenze - con circa 60 marchi nella stock list, tra cui HernoFabiana FilippiMax MaraAlbino TeodoroNico Giani, Pierre Louis Mascia e La DoubleJ (protagonista di uno shop in shop temporaneo) - è aperto da una settimana e i risultati si sono già fatti vedere: ogni marchio ha già aperto cassa e lo scontrino medio è alto.

«Questo negozio - conclude Cocchini - è il quarto per noi in Italia, dopo quello di Milano e i due di Roma, e fattura 23 milioni di euro l’anno, con 1,3 milioni di visitatori e 450mila scontrini. I turisti oggi sono il 35%, ma con la nuova offerta dovrebbero arrivare presto almeno al 45%».

Due gli architetti e designer coinvolti nel progetto: il quinto piano e la terrazza panoramica sulla città, oltre al quarto, terzo e secondo livello, avranno la firma dello studio Caruso Torricella; il primo, il piano terra e l'interrato quella di Marco Costanzi architects.
an.bi.
stats