Sempre più sostenibilità per gli e-tailer

Asos e Zalando: al via le prime collezioni di moda circolare

Le piattaforme di moda online rilanciano sulla sostenibilità, in un momento in cui i consumatori fanno shopping con un occhio sempre più attento alle tematiche legate all’ambiente e al rispetto dell’uomo. Per Asos Zalando è tempo di investire sulla moda circolare, con due collezioni studiate ad hoc.

Insieme ai partner circular.fashion Fashion for Good, Zalando lancia redeZIGN for circularity (foto sopra), la sua prima capsule collection progettata con un’attenzione particolare ai principi dell’economia circolare. La collezione, che si compone di cinque capi studiati per essere riutilizzati e riciclati, è una delle numerose misure che Zalando ha introdotto dall’ottobre 2019 sotto il cappello della strategia di sostenibilità do.MORE, che punta a un impatto più positivo su persone e pianeta.

Non a caso, dal momento che il numero di clienti che acquistano moda con un minor impatto ambientale è più che raddoppiato dall’inizio dell’anno e ha raggiunto la percentuale del 40%, la piattaforma di moda e lifestyle ha portato il suo assortimento sostenibile da 27mila a oltre 60mila articoli.

Zalando ha inserito inoltre nella categoria beauty un’etichetta di sostenibilità. Questo consente ai clienti di scegliere tra oltre 1.000 prodotti di cosmesi con caratteristiche come biologico, naturale, meno imballo, rispettoso delle foreste o degli animali o biodegradabile. 

Lo scorso settembre, infine, Zalando ha lanciato la categoria pre-owned, permettendo ai clienti di acquistare e vendere abbigliamento usato sulla piattaforma.

L’accelerazione dell’impegno verso la sostenibilità si è tradotta per il player delle vendite via web in circa 600 milioni di euro di GMV di moda più sostenibile nella prima metà del 2020, o in circa il 15% del GMV totale, portando l’azienda ad avvicinarsi all’obiettivo del 20% entro il 2023.

Anche Asos accelera sulla sostenibilità. Grazie alla collaborazione con il Centre For Sustainable Fashion, il rivenditore online lancia la prima collezione di moda circolare (nella foto che segue alcuni outfit della proposta al debutto).

 

Una gamma che comprende 29 creazioni, ideate e realizzate nel rispetto dei più importanti principi di circolarità del mondo della moda.

Il lancio segue la partecipazione di Asos al Copenaghen Fashion Summit 2018 e l’impegno di formare tutti i designer del brand in base ai principi della moda circolare entro il 2020. 

Da allora Asos, in collaborazione con il Centre for Sustainable Fashion, parte del London College of Fashion, ha creato e lanciato un proprio programma di formazione, per la preparazione di tutti i suoi designer. Il player dell’e-commerce partecipa anche all’iniziativa Make Fashion Circular della Ellen MacArthur Foundation, che favorisce una collaborazione tra leader del settore per creare un’economia tessile adeguata alle esigenze del 21esimo secolo. 

Per la nuova collezione, Asos ha definito otto principi ad hoc, allineati ai tre fondamenti dell’economia circolare, secondo quanto afferma la Fondazione Ellen MacArthur. Si parla di ridurre rifiuti e inquinamento, mantenere prodotti e materiali in uso e rigenerare i sistemi naturali. Per essere considerato circolare, ogni prodotto della collezione deve rispettare parametri che soddisfino almeno due di questi principi.

c.me.
stats