Special guest, progetti inediti e highlight

Pitti Uomo: Grace Wales Bonner e Ann Demeulemeester ospiti speciali. In pista anche Sapio e Soulland

Doppietta di ospiti speciali al femminile per l’edizione 102 di Pitti Uomo, che vedrà sotto i riflettori la guest designer Grace Wales Bonner e la guest of honour Ann Demeulemeester, dopo il rinvio della sua sfilata lo scorso gennaio, a causa dell'incalzare della pandemia. Ad animare il calendario anche gli special projects dedicati a Soulland e a Sapio e un fitto bouquet di appuntamenti.

Con una sfilata evento in una palazzo storico fiorentino ancora da svelare, la guest designer di origini anglo-giamaicane presenterà in anteprima il 14 giugno la nuova collezione Spring-Summer 2023 del suo brand omonimo, Wales Bonner.  Una collezione che spicca per la visione luxury in grado di fondere heritage europeo e spirito afro-atlantico e che ha fatto breccia presso retailer come matchesfashion.com, Selfridges, Bergdorf Goodman, Dover Street Market International e Boon the Shop (nella foto una proposta del brand).

Ci riprova, dopo l’assenza giustificata all’edizione di gennaio, Ann Demeulemeester, che dà appuntamento alla Stazione Leopolda con un progetto celebrativo dello stile iconico del brand, oggi sotto l’egida di Claudio Antonioli, imprenditore milanese e talent scouter, che nel 2020 ha preso le redini del marchio. Un’installazione che sarà curata personalmente  da lei che si occuperà di scegliere i capi di archivio e di curare lo styling.

Dal Belgio alla Danimarca incontriamo lo Special Project Soulland, un marchio basato a Copenaghen guidato da Silas Oda Adler, che presenterà le collezione della prossima estate il 15 giugno (data da confermare), con una sfilata-evento in una location ancora da svelare. Un’occasione per mostrare a una vasta platea la visione della moda uomo senza tempo del brand, al tempo stesso proiettato verso il futuro forte di un approccio responsabile dal punto di vista sociale e ambientale.

Dall’Italia arriva l’altro Special Project, ossia Sapio di Giulio Sapio, stilista in precedenza nell’ufficio stile di Rick Owens, che in pandemia ha deciso di lanciare un suo progetto fatto di pochi pezzi, in bei tessuti e con un forte focus sul tailoring. L’invito è presso lo Spazio Discovery, contenitore-galleria nella sede di Pitti Immagine, a pochi metri dalla Fortezza da Basso, dove il designer presenterà la collezione estete 2023 che vede protagonista l’abito, per un idea di guardaroba senza tempo, ma pensato per evolversi con il passare delle stagioni. Un concept agender per un guardarba identico, esteticamente, al maschile e al femminile.

Come sempre la Fortezza da Basso sarà palcoscenico per la presentazione di anteprime, progetti, anniversari e collaborazioni speciali, in un animato calendario di incontri che si snoderanno nel corso della manifestazione.  

Sul fronte compleanni, la manifestazione cala in tris di nomi iconici del settore menswear. Roy Roger’s festeggerà i suoi 70 anni con un evento dove sarà presentato lo short movie appositamente realizzato dal fotografo Bruce WeberWp Lavori in Corso brinderà ai suoi 40 anni con una speciale celebrazione in uno spazio dedicato all’Area Monumentale, dove sarà presentata la nuova collezione del brand Baracuta. Antony Morato, che spegnerà 15 candeline, torna a Pitti Uomo per celebrare la ricorrenza con la presentazione della nuova collezione e con un party speciale il 15 giugno, in una location del centro di Firenze.


Da segnalare il debutto ufficiale della collezione Incotex Blue Division, ossia la linea denim realizzata in partnership con Giada, protagonista di un un’installazione alla Fortezza da Basso, e nelle vetrine di Rinascente Firenze, dove il 14 giugno si svolgerà anche uno speciale cocktail. Doppietta anche per Baldessarini, presente in Fortezza e protagonista a Villa Corsini, il 14 giugno, con la sua prima sfilata fisica sotto la guida di Florian Wortmann.

Tra gli appuntamenti, anche quelli con la nuova collezione di Robe di Kappa ispirata agli anni Novanta, Ecoalf, fedele come sempre alla sua mission sostenibile, North Sails, protagonista di una colab con Maserati, e Rodd & Gun, in arrivo dall’Australia con il suo menswear premium.

E ancora la capsule sports inspired di Pierre Louis Mascia, che prevede anche il lancio in esclusiva di una sneaker in colab con Diadora e il ritorno di Fila con la nuova collezione.

Nel segno del lifestyle spiccano a Futuro Maschile le proposte di Mate, brand di Copenhagen noto per le sue due ruote elettriche e pieghevoli dal design originale e il debutto di Situér Milano, azienda che progetta arredi eco-friendly dalle linee minimali e ricercate.

Fuori dalla Fortezza, Bagutta dà appuntamento nella Terrazza della sede di Pitti Immagine, in via Faenza 109, per la presentazione della nuova collezione estate 2023, che segna l’inizio del nuovo corso stilistico, siglato da Albino D'Amato, womenswear creative director del brand.

Superga invece ha scelto la Loggia del Piazzale Michelangelo di Firenze per lo special event che avrà come ospite d’onore la supermodella e attrice Emily Ratajkowski, ambassador e fan della label, che ha disegnato una capsule collection ad hoc.

Sempre nei giorni della manifestazione, il 16 giugno, Gucci presenterà il suo nuovo café & cocktail bar Giardino 25 in piazza della Signoria 37, ultima aggiunta al Gucci Garden, lo spazio ideato dal direttore creativo Alessandro Michele

Nel segno dell’artigianato è infine l’iniziativa dello storico negozio Taf, nel cuore di Firenze, specializzato in ricami a mano dal 1954, che in occasione del salone ha realizzato una tovaglia di lino di 4 metri per 2, frutto di 2.200 ore di lavoro, 19mila metri di filo e otto mani esperte.

«Un segno tangibile di come in questo momento sia importante aiutare le eccellenze che abbiamo in città, sempre nel segno del lifestyle – conclude Napoleone -. In questo dobbiamo ringraziare Dolce&Gabbana, che quando sono venuti a Firenze con il progetto dell’Alta Sartoria hanno coinvolto 50 artigiani fiorentini. Un tema su cui tutti ci stanno lavorando, compresi i grandi gruppi francesi».

c.me.
stats