statistiche

Mido Outlook: le nuove sfide dell'eyewear

Dalla prima edizione di Mido Outlook, indagine tra gli operatori dell'occhialeria, emergono tre fattori che stanno trasformando il settore: la Cina come nuova frontiera del business, il boom dell'e-commerce e il potere dei social, in particolare Facebook.

La ricerca è stata presentata ieri, 11 giugno, nella sede dell'associazione di categoria Anfao a Milano. È stata condotta a inizio 2018 da Grs Ricerca e Strategia, coinvolgendo circa 2mila player italiani e stranieri, operativi in vari ambiti del comparto, dal retail al wholesale, passando per manufacturing e servizi.

Obiettivo, calcolare l'indice di fiducia degli interpellati sui prossimi tre anni, analizzando alcuni indicatori, compresi il fatturato, le esportazioni, l'evoluzione dei canali di vendita e le criticità per il business.

Partendo dalla fiducia, gli operatori che hanno una visione positiva sono oltre il 46%, mentre i prudenti o neutrali si fermano al 45,2%.

Considerando il prossimo triennio, prevalgono gli ottimisti (più del 57%) sui cauti (34,1%). In netta minoranza i pessimisti, sotto il 9%.

Le imprese estere sono più fiduciose negli sviluppi del settore (59,6%), rispetto alle italiane (55,1%).

Tra i problemi da risolvere spiccano la concorrenza (che impatta sui prezzi) e la contraffazione, soprattutto per le realtà del nostro Paese.

Alla voce fattori di sviluppo, vengono indicati l'uso di sistemi informatici e, nel prodotto, le lenti oftalmiche e i filtri solari.

Oltre il 40% delle aziende genera la metà dei ricavi all'estero, con un 86% che esporta in Europa occidentale, Nord America e Asia, anche se il principale mercato sono gli States. Top of mind per il futuro è la Cina.

Tra i canali distributivi resta saldo il ruolo dei negozi di ottica, ma si prevede un'impennata delle vendite online: dopo gli occhiali da sole, già ben posizionati nell'e-commerce, sono quelli da vista ad avere prospettive di crescita in questo ambito.

Per finire, la comunicazione, che privilegia fiere, siti, social - Facebook in primis, usato per lavoro dall'80% degli intervistati - e stampa specializzata. Tra i saloni è il Mido a primeggiare, con un tasso di partecipazione di più del 96% tra i protagonisti del panel.

Rientrano nella top five delle rassegne Silmo, Opti Monaco, DaTe e Optical Fair, ma con numeri decisamente più contenuti. Gli addetti ai lavori guardano però anche con interesse ad appuntamenti in aree lontane, concentrandosi per esempio su Tokyo e Pechino.

a.b.
stats