strategie

Amazon investe sull'influencer marketplace

Amazon, il gigante dell'e-commerce, coglie al volo il grande potenziale degli influencer, vere e proprie star virtuali che con i loro spot sponsorizzati stanno facendo crescere audience e business delle aziende. Nei giorni scorsi, in sordina, ha lanciato l'Influencer Program, dedicando a questi testimonial d'eccezione uno spazio ad hoc.

 

Come si legge sui siti specializzati, il progetto avviato da Jeff Bezos (nella foto) è una sorta di partnership attraverso la quale il colosso delle vendite online riuscirà a cooptare gli influencer più seguiti, vendendo su Amazon.com i prodotti da loro raccomandati.

 

Già da tempo il big di Seattle aveva introdotto la possibilità, per chiunque, di aggiungere al proprio sito link e banner che rimandano alla piattaforma, premiando il titolare della pagina web con una percentuale dell'introito in caso di acquisto, ma questa volta la faccenda è diversa.

 

Le web celeb verranno infatti dotate di un vanity Url personale, che linka al ventaglio dei prodotti da loro "consigliati", con la possibilità di monetizzare attraverso una percentuale (non specificata) su ogni eventuale acquisto.

 

Quella di Amazon non è però un'opzione aperta a tutti gli influencer tout-court. L'e-tailer si riserva il diritto di selezionare la rosa di ammessi tra quelli che faranno richiesta.

 

A fare la differenza saranno le performance: tradotto nel gergo degli influencer, in primis il numero di follower, che ovviamente deve essere nutrito, ma anche il tasso di engagement e la qualità dei contenuti.

 

stats