Superati Prada e Tod's

Galleria Vittorio Emanuele II: Armani vince l’asta per l’ex spazio Tim

Con un’offerta di 1,9 milioni di euro di affitto l’anno Giorgio Armani Retail si è aggiudicata la location di 302 metri quadrati, attualmente occupata dal brand di telefonia Tim, che si affaccia sull’Ottagono della Galleria Vittorio Emanuele II di Milano.

L'assegnazione dello spazio è avvenuta questa mattina, venerdì 8 novembre, nel corso dell’asta pubblica, svoltasi negli uffici comunali in via Larga. Per la prima volta Palazzo Marino ha scelto per l'assegnazione in Galleria la formula dell'asta con rilancio: 50mila euro ogni 3 minuti.

All’asta, che vedeva come base di partenza 670mila euro, hanno partecipato, oltre ad Armani (che ha già un negozio in Galleria la cui concessione scadrà nel 2020), anche Prada e Tod’s, mentre Damiani non è stata ammessa dal notaio a partecipare.

La durata della concessione per Armani sarà di 18 anni. L’opzione dell’asta è stata inserita solo lo scorso agosto dalla giunta, per tracciare le linee guida per gli affitti all'interno del monumento.

Grazie al metodo delle gare, a fine 2019 il Comune dovrebbe incassare dalla Galleria 40 milioni: nel 2011 erano solo otto. Nel 2020 andranno a bando nel Salotto dei milanesi 24 spazi, un terzo di quelli che ci sono tra l'Ottagono e le vie limitrofe.

an.bi.
stats