Un’analisi di Anfao

Occhialeria italiana: +7,4% l’export trainato dagli Usa

Nel difficile contesto socio-economico globale, gli occhiali italiani continuano a essere premiati dai mercati esteri.

Nei primi sei mesi del 2019 la crescita tendenziale dell’export in valore ha registrato un aumento del 7,4%, come si legge in un report dell’Associazione Nazionale Fabbricanti Articoli Ottici-Anfao. Il comparto vista, in particolare, ha messo a segno un +10,3%, mentre la domanda estera di occhiali da sole ha segnato un + 5,7% (nella foto, gli occhiali Polaroid di Safilo, alla recente passerella di Msgm).

Entrando nel dettaglio dei singoli mercati, gli Stati Uniti (da sempre primo mercato di riferimento, con una quota di circa il 27%) hanno acquistato il 12,7% in più rispetto al gennaio-giugno 2018 (+9,3% gli occhiali da sole e +22,8% quelli da vista).

Trend positivo anche in Europa (+4,4%) dove spiccano Germania (+12%) e Spagna (+5,3%), mentre la Francia ha incrementato le importazione solo dello 0,8% (una performance legata alla nuova legge che ha ridotto i rimborsi assicurativi). In netta controtendenza il Regno Unito, con un -6,3%.

Positivo anche l’andamento in Asia (+6,1%, con il +6% della Cina) e in Africa (+7,1%).

«La prima metà del 2019 - commenta Giovanni Vitaloni, presidente di Anfao - rappresenta una boccata d’ossigeno importante, dopo la crescita contenuta del 2018. Sicuramente l’euro debole e i dazi Usa sui beni cinesi possono aver contribuito in parte a questo risultato. Tuttavia non dobbiamo dimenticare che l’export è da sempre il core business dell’occhialeria italiana (90% della produzione) e che tutti lavoriamo in questa direzione».

Dall’associazione di categoria fanno notare come sitano diventando mercati interessanti la Polonia (+15,9%), la Svezia (+74,9%), l’Ungheria (+11,1%) e la Croazia (+7,1%). Inoltre si assiste a un recupero della Russia (+16,4%).

Mostrano un potenziale anche Messico (+20,3%), Emirati Arabi (+11,9%), Brasile (+14,6%), Sud Africa (+9,6%), Arabia Saudita (+18%), ma si tratta sempre di aree con numeri poco significativi.

Relativamente al mercato interno, il sell-out monitorato da GfK registra un decremento in valore dell’1,4% rispetto al primo semestre del 2018. A livello di prodotto, soffre soprattutto l’occhiale da sole. A livello di canale, l’ottico indipendente ha più difficoltà delle catene.

e.f.
stats