Un’analisi Global Blue

Turismo e shopping tax free: Roma verso i livelli pre-Covid anche senza russi e cinesi

Con la stagione estiva, il turismo internazionale a Roma ha quasi raggiunto i livelli pre-pandemia: un dato migliore rispetto alla media nazionale come osservano da Global Blue, società leader del dello shopping tax free, che per il trimestre giugno-agosto 2022 ha registrato un tasso di recovery della spesa tax free del 95%, rispetto allo stesso periodo del 2019.

Più in dettaglio, nelle vie racchiuse nel Tridente è stato effettuato il 68% della spesa tax free totale. Qui lo scontrino medio ammonta a 1.673 euro, oltre i valori pre-Covid. Un altro 28% ha acquistato nella zona più estesa del centro facendo una spesa media di 763 euro.

A livello di categoria merceologica, il Fashion&Clothing ha attratto la maggior parte delle vendite tax free della capitale (75%) e il tasso di recovery ha raggiunto il 98% rispetto al 2019. Un altro 19% ha riguardato il mondo Watches&Jewellery, che registra lo scontrino medio più elevato, pari a 4.608 euro.

A fronte dell’assenza di cinesi e russi, spicca il contributo dei turisti americani che contribuiscono alla  spesa tax free del periodo con il 43% del totale: una quota più che raddoppiata rispetto al 2019 e che vede lo scontrino medio attestarsi a 1.448 euro. Al secondo posto gli arabi (10% del totale, in miglioramento sul pre-pandemia) con uno scontrino medio di 1.496 euro. Tra le nazionalità emergenti Global Blue ha individuato quella canadese e quella australiana (entrambe meglio del pre-Covid), oltre a quella britannica, che gode del beneficio tax free solo dal gennaio 2021.

Questi dati sono stati presentati oggi nel corso della conferenza stampa “Restart Rome” presso la lounge romana di Global Blue a cui ha partecipato anche l’assessore ai Grandi Eventi, Sport, Turismo e Moda del comune di Roma Alessandro Onorato.

«La stagione estiva - ha commentato Stefano Rizzi, country manager di Global Blue - ha rappresentato per l’Italia, e per Roma in particolare, il tanto atteso momento di ripartenza definitiva del turismo. Come c’era da aspettarsi, sono andate bene le località di mare. Ma anche le città d’arte hanno avuto performance prossime a quelle del 2019. Un fattore di buon auspicio per il prossimo autunno, sperando presto di poter recuperare la componente asiatica, da sempre fondamentale nelle dinamiche legate al tax free».

Durante la conferenza è stata anche annunciata la partnership tra Global Blue e Lybra Tech, società italiana che sviluppa soluzioni tecnologiche basate sui Big data, per destinazioni turistiche, aziende e hotel. Lybra Tech ha presentato un approfondimento dello studio sui pernottamenti nella capitale, che mostrano come la ricerca su Roma stia continuando anche per settembre e novembre, soprattutto per quanto concerne la componente estera.
e.f.
stats