Uno studio di Juniper Research

Retail: le interazioni via chatbot frutteranno 112 miliardi di dollari entro il 2023

Come rivelano i nuovi dati diffusi da Juniper Research, agenzia di ricerca, forecasting e consulenza nel settore digital, entro il 2023 le interazioni via chatbot nel mondo del retail toccheranno quota 22 miliardi, rispetto ai 2,6 miliardi stimati entro la fine del 2019.

 

Secondo la ricerca dal titolo AI in Retail: Segment Analysis, Vendor Positioning & Market Forecasts 2019-2023, l'impiego di chatbot da parte dei negozianti pemetterà di ottenere interazioni automatizzate efficaci con la clientela. Ciò abiliterà user esperience di alta qualità con minori risorse, incrementando la fidelizzazione e la customer satisfaction e riducendo al contempo i costi operativi.

 

Un fattore strategico sarà il miglioramento a livello di Nlp (Natural language processing), che ridurrà notevolmente il tasso di fallimento delle interazioni via chatbot, rendendole più naturali e gradevoli.

 

L'indagine rivela inoltre che fare leva sui chatbot a livello di customer service è strategico per ridurre i costi, consentendo ai dettaglianti, a livello globale, risparmi annuali nell'ordine dei 439 milioni di dollari nel 2023, rispetto ai 7 del 2019. Un fattore che farà da traino, considerate le pressioni sui margini di cui molti negozianti si lamentano.

 

Importante il fatto che le vendite retail frutto delle interazioni via chatbot raggiungeranno un totale di 112 miliardi di dollari entro il 2023, rispetto ai 7,3 del 2019, con una crescita annuale del 98%.

 

La ricerca, in ogni caso, evidenzia che questo incremento nelle vendite sarà in larga parte il risultato della migrazione da altri canali.


Nella foto, il chatbot di Zalando.




c.me.
stats