A Milano

Anche Ferragamo sfilerà co-ed a febbraio: la fashion week uomo perde un altro pezzo da 90

Salvatore Ferragamo sposa il trend dei co-ed show. A partire dall'autunno-inverno 2018/2019, la maison fiorentina porterà infatti le collezioni uomo e donna sulla stessa passerella. Lo show di febbraio vedrà dunque collaborare i due creative director Paul Andrew (donna) e Guillaume Meillard (uomo).

 

Con questa decisione, dopo la cancellazione di Moncler Gamme Bleu, salgono a due le defezioni annunciate alla prossima edizione di Milano Moda Uomo nel giro di una settimana.

 

«Si tratta - si legge in una nota diffusa dall'azienda - di una scelta in linea con la strategia del brand, volta ad armonizzare le collezioni maschili e femminili, in un mercato che richiede un posizionamento sempre più forte e definito, con precisi riferimenti stilistici».

 

La sfilata segnerà il debutto di Paul Andrew alla guida della collezione donna, dopo che a ottobre ha preso il posto di Fulvio Rigoni, precedentemente a capo del ready to wear.

 

Si tratta quindi della seconda brutta notizia nel giro di una settimana della Camera Nazionale della Moda Italiana, che salvo new entry al momento non annunciate, a gennaio perderà oltre a Moncler Gamme Bleu e Salvatore Ferragamo anche Malibu 1992, special guest a Pitti Uomo edizione gennaio 2018.

 

Gucci, Etro, Jil Sander, Missoni, Bottega Veneta e Trussardi sembrano tutti intenzionati a confermare la sfilata co-ed nel calendario di Milano Moda Donna.

 

Sembra invece confermato lo show di Marcelo Burlon County of Milan: nelle scorse settimane si era vociferato di una possibile fuga a Parigi del marchio che fa capo alla NGG-New Guards Group, ma che avrebbe invece confermato lo slot nel calendario delle sfilate milanesi di gennaio. 

 

 

stats