Beachwear

Mila ZB e SoloBlù: è il resortwear la nuova frontiera della moda mare luxury

La nuova frontiera della moda mare di lusso è il resortwear. Un guardaroba fatto di bikini e fuoriacqua couture da giorno, cocktail e sera, le cui vendite passano anche attraverso i paradisi della vacanza. Tra le nuove etichette che puntano sugli acquisti 'coup de coeur' delle smart lady a bordo mare e piscina ci sono SoloBlù e Mila ZB.

 

Il trend è emerso a Mode City e Maredamare, saloni del beachwear di Lione e Firenze, che di recente hanno fornito suggerimenti di stile per l'estate 2017.

 

SoloBlù nasce nel 2013 su progetto di un team di donne guidate dalle sorelle Benedetta e Isabella Stanca, provenienti da una famiglia di industriali tessili del comasco. «L'idea - spiega Benedetta - è quella di raccontare gli 8mila chilometri di costa italiana, ovvero tutto il bello della nostra tradizione, attraverso lo stile di collezioni mare realizzate con una filiera cortissima».

 

Nel dna c'è la qualità, il chiodo fisso è il fit: «L'obiettivo - continua l'imprenditrice - non è vestire le ragazzine già perfette di natura, ma le donne vere, che devono sentirsi a loro agio e valorizzate dal costume che indossano».

 

Nel guardaroba, che ha per simbolo un cavalluccio marino blu, si trovano modelli costruiti con un invisibile shapesystem e motivi grafici che disegnano la silhouette. Ma anche caftani, pantaloni e capi d'abbigliamento da indossare giorno e sera, combinando a piacimento le tinte unite con le fantasie.

 

La distribuzione poggia al momento su venti negozi tra Italia ed estero, in cui sono compresi due monomarca, a Milano e Porto Cervo, e ovviamente i più bei resort come il Caruso di Ravello e il Grand Hotel di Taormina, più il sito del brand.

 

Ma funzionano davvero queste vendite sul posto? «Assolutamente - risponde Mila Zegna Baruffa, che firma Mila ZB, il resortwear e l'eyewear contrassegnato dal suo nome più le iniziali del cognome - Vuoi che nelle vetrine degli hotel di lusso una donna in vacanza non compri almeno un bikini e un accessorio?».

 

Con questa convinzione è partita un paio di anni fa con la label 100% made in Italy: stampe rigorosamente disegnate a mano, sete e tessuti selezionati dall'archivio personale, venduta in resort, department store e online.

 

Anche Mila, come le sorelle Stanca, è figlia d'arte, precisamente di Giulio Zegna Baruffa e nell'azienda di famiglia ha lavorato per dieci anni come direttore creativo. Nel 2006 ha lasciato Biella per conquistare la poltrona di a.d. presso Isa Seta. «Sono nata montanara - dice -  ma ho il mare dentro, da qui il progetto Mila ZB, che non è un prodotto brandizzato, ma la condivisione di una passione per i viaggi, un'esigenza di qualità e di cura dei dettagli».


Nella foto, da sinistra, proposte di Mila ZB e SoloBlù.

 

stats