Collaborazioni

La Gioconda secondo Jeff Koons sulle borse di Louis Vuitton

Preannunciata su Instagram, la collaborazione di Louis Vuitton con Jeff Koons è stata presentata ieri, 10 aprile, al Museo del Louvre. Una proposta di borse ispirate ai capolavori dei grandi maestri della pittura, compresa la Monna Lisa. Il post, che ha ricevuto oltre 57mila like, recitava: «The frame, but not the smile. The new collaboration from #LouisVuittonwill be revealed on April11».

 

Oltre al capolavoro di Leonardo, Koons ha preso spunto dalle opere di Rubens, Fragonard, Tiziano e Van Gogh, per dare una nuova versione dei modelli iconici della griffe come la Speedy, la Keepall e la Neverfull trasponendo l'arte figurativa dei suoi dipinti "Gazing Ball" - riproduzioni dei lavori dei grandi maestri dipinte a mano su larga scala - in questa collezione per Louis Vuitton.

 

Le borse, che debutteranno il 28 aprile nei negozi Louis Vuitton, sono realizzate con materiali di altissima qualità e ciascuna si caratterizza per la presenza di una scritta che riporta il nome dell'artista autore dell'opera originale.

 

Inoltre Koons ha ripensato il famoso Monogram, per poter inserire anche le sue iniziali. Ogni modello è decorato da un charm a forma di coniglietto gonfiabile, elemento iconico nelle visioni artistiche di Koons. La capsule collection debutta con la primavera-estate 2017 e, come informano da Louis Vuitton, rappresenta il primo step di una collaborazione destinata a durare.

 

La liaison con l'artista statunitense segue quelle con importanti esponenti del mondo creativo come Yayoi Kusama, Takashi Murakami, Richard Prince e Stephen Sprouse.

 

Un approccio che porta in primo piano il ruolo della fashion house come mecenate e promotrice di nuovi modi di sperimentare l'arte, che ha raggiunto il culmine nell'inaugurazione della Fondation Louis Vuitton a Parigi, concepita da Frank Gehry.

 

Alla serata di ieri erano presenti Bernard Arnault, presidente e ceo di Lvmh e Jean-Luc Martinez, numero uno del Museo del Louvre. È la seconda volta nell'arco di due mesi che la griffe è protagonista di un happening nella prestigiosa pinacoteca parigina.

 

Lo scorso marzo il direttore creativo Nicolas Ghesquière ha presentato la sua collezione invernale fra le sculture della Cour Marly.

 

stats