Concorsi

Parte la terza edizione del Premio Giovani Imprese di Altagamma

Al via la terza edizione del premio Giovani Imprese - Believing in the Future, ideato e promosso da Fondazione Altagamma, con un focus sui settori moda, gioielleria, design, hotellerie, food&beverage, motori e digital. C'è tempo fino al 30 ottobre per l'invio delle candidature.

 

Un'occasione da non perdere per le realtà con meno di dieci anni di militanza, con una struttura distributiva fisica e i cui prodotti siano all'insegna della qualità e della contemporaneità.

 

Promossa come sempre in collaborazione con Borsa Italiana, Maserati e Sda Bocconi, l'iniziativa vedrà l'individuazione di 21 finalisti, tre per ogni categoria, da parte di un advisory board, di cui fanno parte Antonio Cristaudo di Pitti Immagine, i designer Walter De Silva e Piero Lissoni, Stefania Lazzaroni di Fondazione Altagamma, Barbara Lunghi di Borsa Italiana, Sara Maino di Vogue Italia, Luca Martines di Ynap, Ettore Mocchetti di Traveller, Cristina Morozzi dell'Istituto Marangoni Design e Davide Paolini, giornalista gastronomico.

 

A decretare i sette vincitori, una giuria composta da Andrea Illy (nella foto), da tutto il board di Fondazione Altagamma e dai partner del progetto, Raffaele Jerusalmi ceo di Borsa Italiana, Reid Bigland, ceo di Maserati e Giuseppe Soda, dean di Sda Bocconi.

 

La premiazione è fissata per il 22 novembre a Roma, durante la cena di gala che precede la giornata Altagamma.

 

«Il premio Giovani Imprese continua a crescere sulla strada della continuità, garantita dai partner e dall'affiancamento dei soci Altagamma ai vincitori - commenta Stefania Lazzaroni, direttore generale di Fondazione Altagamma -. Nello stesso tempo si evolve, attraverso l'affinamento dei programmi di tutorship di tutti i partner del progetto. L'obiettivo è fornire il migliore sostegno possibile alle imprese culturali e creative italiane più dinamiche, garantendo il futuro della leadership italiana nell'industria dell'alto di gamma».

 

Fondazione Altagamma mette in palio, per i vincitori, la membership gratuita nella categoria Honorary Members e un percorso di mentorship articolato in una serie di incontri organizzati all'interno delle aziende socie.

 

Borsa Italiana fornirà un percorso di training e la chance di valutare l'interesse di investitori internazionali, facendo conoscere la propria azienda. Un programma formativo in vari dipartimenti aziendali: questa la posta messa in gioco da Maserati, mentre Sda Bocconi riserverà ai vincitori una giornata di executive management training.

 

Fra i vincitori delle precedenti edizioni, Àlvaro e Benedetta Bruzziches per la moda, Bea Bongiasca e Delfina Delettrez per la gioielleria.

 

stats