MENSWEAR

Milano passa il testimone a Parigi: al via le sfilate nella Ville Lumière

Si accendono i riflettori sulle passerelle parigine. Per cinque giorni la capitale francese accoglie il gotha della moda internazionale per la presentazione delle collezioni maschili della primavera-estate 2014. Oggi in pedana Valentino, Raf Simons e Carven. E un nome inatteso: Haider Ackermann (nella foto).

 

Ad aprire le danze ci sono dunque nomi importanti che hanno fatto parlare di sé la scorsa stagione in quanto neofiti come Valentino e Carven, accanto a Walter van Beirendonck e Raf Simons, ma soprattutto una new entry come Haider Ackermann. La linea maschile del designer di origini colombiane - che qualche anno fa era stato designato da Karl Lagerfeld come il suo ideale successore - aveva fatto il proprio debutto a Firenze, nell'ambito di Pitti W, nel giugno del 2010, raccogliendo il consenso dei top retailer internazionali, per poi venir sospesa già a dicembre dello stesso anno. Ora il ritorno al menswear, con un défilé in programma alle 18.30. Tra gli assenti illustri della giornata vanno citati invece Thierry Mugler, marchio che dopo l'uscita di Nicola Formichetti è tornato nell'orbita stilistica del suo fondatore, e Christian Lacroix Homme, reduce all'alleanza per l'abbigliamento maschile firmata con Lubiam.

 

Domani sotto i riflettori saranno 3.1 Phillip Lim, Rick Owens, Louis Vuitton, Yohji Yamamoto e Dries van Noten, mentre tra le defezioni, rispetto all'ultima edizione, ci sono label come Viktor&Rolf Monsieur - che ha preferito una presentazione forse perché concentrata sul suo rientro nell'haute couture (al via il 30 giugno) - ma anche Kolor, special guest a Firenze nell'ambito di Pitti Uomo, e un nome di rilievo come Jean Paul Gaultier (con un rendez-vous in showroom). Nella stessa giornata l'attenzione sarà focalizzata anche sulla prima collezione di Issey Miyake Men firmata dal nuovo direttore creativo Yusuke Takahashi, giovane designer di Tokyo che lavora nel team stilistico della griffe dal 2010.

 

La giornata di venerdì 29 sarà scandita dai fashion show di Junya Watanabe Man, Ann Demeulemeester, Maison Martin Margiela, Krisvanassche, Cerruti, Comme des Garçon Homme Plus, Givenchy, John Galliano e Berluti, mentre sabato saranno protagonisti Kenzo e, tra i big, Dior Homme, Hermès e Damir Doma, mattatore per il womenswear all'ultimo Pitti W. Domenica tocca invece a Lanvin, Paul Smith, Thom Browne e a Saint Laurent, che come di consueto ha il compito di chiudere il sipario sulla kermesse.

 

stats