MIlano moda donna

La libertà di pensiero della Etro Paisley Tribe

Energia, colore, spirito positivo: la "Etro Paisley Tribe" che ha sfilato oggi (24 febbraio) rompe gli schemi e i codici, per esplorare nuovi significati del vestire.

 

La collezione è all'insegna di un mix sportivo e funzionale, con un'impronta artsy che si concretizza in stampe e tessuti differenti.

 

L'oversize è il filo conduttore dei capispalla, tra cui i parla in tweed e i piumini jacquard patchwork, da abbinare ad abiti plissettati che sono la quintessenza della leggerezza.

 

La vestaglia ha maniche che ricordano quelle di un kimono, mentre gli abiti non hanno mezze misure: o molto lunghi, o corti e drappeggiati.

 

Le stampe danno vivacità e colore ai pantaloni, ispirati a uno stile pigiama dagli influssi orientaleggianti.

 

Veronica Etro sbizzarrisce la sua fantasia mischiando il paisley con motivi psichedelici, il mandala con i motivi cravatteria, le righe con le disegnature leopardate, sul fil rouge di una grande libertà espressiva.

 

Tra i materiali, da segnalare i preziosi e intricati broccati con nastri variopinti, gli jacquard percorsi da fili dorati, i tweed e le stoffe con ricercati ricami metallizzati.

 

Alla voce accessori, si va dalle sciarpe in madras di cachemire ai pendenti in metallo, fino alle collane con fili di seta multicolor e alle monete tintinnanti sul collo e i polsi. Tra le borse spiccano le ampie tracolle in tessuto e tra le scarpe gli stivali in suede e feltro foderato di shearling, con il tocco etnico dei nastri che avvolgono le caviglie.

 

stats