Milano Fashion Week

Diesel Black Gold: per Melbostad il romanticismo ha un cuore military

Come rendere corsetti, abiti sottoveste e sleeping dress very Diesel Black Gold? Da questo interrogativo è partito Andreas Melbostad, direttore creativo della label, per la sua new wave romantica. La svolta è partita la scorsa stagione, ma dalla primavera-estate 2017 il cambiamento è più evidente.

 

«In un certo senso c'è stata un'inversione di marcia - racconta Melbostad -. Nella collezione invernale il caposaldo era il military, ora sono partito da un concetto di femminilità, nel quale ho infuso l'essenza utility del brand».

 

«Mi sono ispirato - prosegue - alle foto di David Hamilton, alle sue fanciulle romantiche, giovani e innocenti, eppure consapevoli del potere della loro innocenza. Le ho vestite di capi ispirati al mondo della lingerie, ai quali ho aggiunto dettagli militay».

 

Il risultato? «È l'identikit di una donna femminile ma al tempo stesso forte e unica. Un po' come la cantante Björk, da cui ho preso spunto per la colonna sonora della sfilata».

 

Il vento di cambiamento si percepisce già al primo colpo d'occhio, dai colori. Tanto bianco, rosa e verde militare, con qualche accenno di nero, in ossequio al dna di Diesel Black Gold.

 

In passerella le modelle indossavano gonnine sbuffanti rese grintose dall'inserimento di zip, borchie e cinturoni, abitini candidi tutti pizzo sangallo e volant sdrammatizzati da stivaloni stringati, candidi top allacciati da stringhe su pantaloni ispirati ai paracadute, sottovesti a fiorellini strette in vita da cinturine borchiate.

 

Coulisse, fettucce di cotone e stringhe sono il trait d'union fra i due mondi: ricordano la sfera dell'underwear e, al tempo stesso, l'universo del work-army.

 

Anche gli accessori vanno nella medesima direzione: anfibi in tela stringati, sneaker stile ballerina con lacci e sandali da gladiatore, mini secchielli in pelle scamosciata arricchiti di frange e borchie rispecchiano il medesimo gusto per i contrasti, stemperando o accentuando, a seconda delle necessità, l'effetto dei look.

 

«Diesel Black Gold è una collezione in evoluzione, perché la nostra mission è porci sempre più come un marchio globale - commenta Melbostad -. Ecco perché stiamo arricchendo l'offerta oltre al denim, dando nuove vibrazioni all'immagine».

 

«Un percorso - aggiunge - in cui si inserisce anche la scelta di sfilare a Milano. Qui c'è un'audience internazionale più vasta. E poi in Italia c'è la casa madre di Diesel».

 

stats