Milano Fashion Week

Per il green carpet di Camera Moda arriva anche Gisele Bündchen. Più di 30 maison alla prova della sostenibilità

«Per questa serata abbiano lavorato con oltre 30 stilisti, ognuno dei quali ha creato un look su misura sostenibile. Sarà la dimostrazione che la moda green è qualcosa di decisamente glamorous e può contare su un seguito a livello globale». Con queste parole Livia Firth racconta i Green Carpet Fashion Awards, l'evento che ha contribuito a creare e che assegnerà un premio a Gisele Bündchen.

 

A svelare il programma della Notte degli Oscar della Moda Sostenibile sono stati Carlo Capasa (presidente della Camera Nazionale della Moda Italiana), Livia Firth (fondatrice e direttore creativo di Eco-Age), Ivan Scalfarotto (sottosegretario del ministero dello Sviluppo Economico) e Cristina Tajani (assessore alle Politiche del Lavoro, Attività Produttive, Moda e Design del Comune di Milano).

 

La conferenza di oggi, 20 settembre, è stata l'occasione anche per presentare giardino in piazza della Scala che, il 24 settembre, sarà la cornice degli Awards.

 

I Green Carpet Fashion Awards, incentrati sulla filiera del Made in Italy, metteranno la sostenibilità, «uno dei valori oggi più importanti per l’umanità» come ribadisce una nota, al centro del mondo della moda.

 

La focalizzazione sulla sostenibilità ambientale e sociale (Sostenibilità totale) riunirà per la prima volta, in un’unica cerimonia, i più grandi stilisti, le case di moda di lusso e i designer italiani emergenti, le realtà artigiane e le aziende più innovative.

 

Piazza della Scala «si trasformerà in un giardino magico ricoperto da un enorme tappeto verde di Econyl, composto da bottiglie di plastica riciclate e creato da Aquafil».

 

«Sono convinto - ha dichiarato Ivan Scalfarotto, a nome del ministero dello Sviluppo Economico - che il made in Italy debba essere sinonimo, a livello mondiale, di sostenibilità. Per la nostra industria della moda essere riconosciuta in tutto il mondo come sostenibile a livello ambientale e sociale: è un obiettivo strategico e un obbligo morale».

 

 

La modella e attivista brasiliana Gisele Bündchen sarà dunque la vincitrice del primissimo Eco Laureate Award, in partnership con Vogue Italia: un riconoscimento del costante utilizzo della propria piattaforma per promuovere non soltanto le cause ambientali, ma anche le relative soluzioni.

 

Il suo lavoro, in particolare per la preservazione del bioma amazzonico nel proprio Paese d’origine, «ha aiutato a cambiare il dibattito culturale sull’argomento in tutto il globo» si legge tra le motivazioni.

 

Alessandro Cattelan condurrà la serata al Teatro alla Scala, con personaggi del mondo della moda e del cinema chiamati a consegnare 11 riconoscimenti.

 

«Il Green Carpet Fashion Awards Italia - spiega Carlo Capasa, presidente della Cnmi - riunirà attorno alla sostenibilità i grandi brand, i nuovi talenti e le eccellenze della filiera. Sarà un modo per raccontare la tradizione e l’innovazione del made in Italy, ciò che ci rende leader mondiali in questo settore, ma sarà anche l’occasione per diffondere alcuni valori fondamentali per il futuro dell’umanità e la cultura della sostenibilità».

 

I destinatari dei premi (11 in tutto), che saranno rivelati la sera stessa del conferimento, riceveranno la statuetta, prodotta da Chopard in oro etico estratto in modo responsabile e certificato Fairmined.

 

La serata sarà divisa in tre momenti: i look della Green Carpet Challenge che sfileranno sul tappeto verde in piazza della Scala, ognuno dei quali realizzato da una casa di moda adottando criteri di sostenibilità.

 

La Cnmi Green Carpet Talent Competition con il premio intitolato a Franca Sozzani, assegnato un giovane designer tra cinque finalisti e gli award veri e propri, che saranno assegnati durante la serata alla Scala.

 

stats