Milano Moda Donna

Armani torna a chiudere le sfilate. New entry Vionnet, assenti Ports1961 e Cavalli

Re Giorgio torna a chiudere la fashion week donna, con il tradizione show della prima linea Giorgio Armani di lunedì. Questa è la principale novità della bozza del calendario di Milano Moda Donna, in cui entra per la prima volta Vionnet, assente Roberto Cavalli.

 

L'edizione in programma dal 22 al 27 febbraio è quella che vede per la prima volta Gucci impegnato in una sfilata unificata uomo e donna, ospitata all'interno del nuovo quartier generale della griffe, in via Mecenate 77.

 

Il calendario sembra ricalcare abbstanza fedelemente quello di sei mesi fa, se si eccettua il ritorno di Emporio Armani - che sei mesi fa era andato a sfilare eccezionalmente a Parigi -, lo spostamento di Missoni che passa dalla domenica pomeriggio alla tarda mattinata del sabato e l'assenza di Ports1961 (che sfilerà a Londra il 18 di febbraio) e Roberto Cavalli (in piena fase di ristrutturazione e senza un direttore creativo) e Philpp Plein, impegnato a New York. Altri nomi, come Dsquared2, sono scomparsi dal calendario, avendo optato per una sfilata "combined" a gennaio durante la fashion week uomo.

 

Da registrare come continuino a diminuire le doppie sfilate: a questa edizione sono solo due (Giorgio Armani ed Emporio Armani), avendo Jil Sander e Marni optato per uno show unico, rispettivamente il sabato alle 15 e la domenica alle 10.30.

 

La Camera Nazionale della Moda Italiana conferma il suo supporto ai giovani talenti, sostenendo le sfilate di Lucio Vanotti, Calcaterra, Ricostru e Daizy Shely (nella foto, Giorgio Armani per la primavera-estate 2017).

 

 

 

stats