Milano Moda Uomo

Il ribelle di Etro sale in alta montagna

Per la collezione maschile del prossimo autunno-inverno Kean Etro si lascia ispirare dai miti e dalle leggende legati alla montagna, che condizionano non solo le fantasie scelte per i capi (come orsi e lupi), ma anche le tecniche di lavorazione della collezione Etro.

 

I maglioni di lana morbidissima vengono sottoposti alla tecnica di lavorazione giapponese dello Shibori, con motivi e linee che ricordano quadri di Banett Newman. I cappotti di lana sono lunghi con un motivo a foglie, ottenuto grazie a una colorazione derivata dall'argilla.

 

In contrasto con le lavorazioni più naturali, i capi in nylon che sfilano sulla passerella di Etro, tra cui parka impermeabili e pantaloni, sono caratterizzati da una stampa mélange, che rappresenta l'essenza dello stile di stagione. Simpatici orsi, lupi e cervi, ovvero gli abitanti delle montagne, animano spalle, tasche e fodere interne dei capi.

 

Tutta la collezione è frutto di un equilibrio fra innovazione tecnica e tradizione sartoriale: le giacche doppiopetto e i cappotti stile kimono si chiudono con fibbie, mentre le spalle sono rivestite da un tessuto impermeabile antistrappo, utilizzato abitualmente per realizzare i paracadute.

 

Il velluto dévoré è stato realizzato in nylon per ottenere un tessuto flessibile e morbido, ma sempre sartoriale. Gli zaini e gli scarponcini da trekking high-tech che completano la collezione sembrano essere stati ottenuti con parti di altri elementi della collezione, come l'imbottitura effetto matelassé sulla tomaia delle scarpe. Il tipico tessuto delle cravatte è utilizzato per fabbricare i pannelli degli zaini.

 

stats