Milano Moda Uomo

Le Giovani Marmotte di Moncler Gamme Bleu. Ruffini: «Ottimo primo trimestre»

Un campo di boy scout ha trasformato il quartier generale di Moncler Gamme Bleu, in via Solari, per intonare il mood della collezione primavera-estate 2017, disegnata da Thom Browne.

 

Ispirandosi alle divise americane dei piccoli esploratori e alla vita dello scoutismo, il designer americano ha portato in scena una sequenza di giacche sportive, cappotti Chesterfield, parapioggia, mantelle, pantaloni e bermuda connotati da maxi e mini-tasche a soffietto.

 

Tinta dominante il kaki, intervallata da proposte animate da macro check, dove spiccava il bianco abbinato ai vari toni del verde militare e al marrone.

 

Fra i tessuti scelti da Thom Browne grandi classici come il gabardine di cotone, la tela Oxford, il crespo di cotone, il cashmere, la lana e il mohair ma anche materiali più tecnic,i traforati, gommati e a effetto vinile.

 

Con l'evento di ieri (19 giugno) Moncler ha inaugurato una nuova formula di presentazione: grazie alla collaborazione con il partner tecnologico Clear Channel  - attivo nei media multi-platform -, anche il pubblico dei non addetti ai lavori ha potuto assistere alla sfilata in diretta dalle strade di Milano.

 

La view experience prevedeva anche un'opzione di client engagement (tramite il QR code), attraverso la quale gli utenti potevano accedere ai contenuti interattivi, via smartphone o tablet.

 

Come riporta l'agenzia Radiocor, a margine della sfilata il presidente e ceo Remo Ruffini ha dichiarato: «Stiamo andando bene, nonostante il momento difficilissimo e di grande volatilità: abbiamo già fatto un ottimo primo trimestre». «Sono ottimista - ha aggiunto - nonostante ll'incertezza provocata dal terrorismo, dalla Brexit e dagli eventi che emergono tutti i mesi».

 

A proposito del mercato cinese, Ruffini ha precisato: «Ci sono brutte voci sulla Cina, ma noi cresciamo bene. Stiamo puntando su un rapporto di qualità con i clienti e nel lungo periodo è una strategia che paga».

 

 

stats