Milano Moda Uomo

Per N°21 la moda uomo non è tagliata per la passerella. Al via il progetto Petite Taille

«Sono partito dalla necessità di ricostruire un guardaroba maschile con i capi che amo di più. Ho pensato a pezzi con un’attitudine casual che si avvantaggiano di particolari ricercati, come i tessuti, le stampe, i ricami e le applicazioni», così Alessandro Dell'Acqua descrive la proposta per la prossima estate di N°21, che ha scelto di non portare in passerella ma di presentare nel showroom milanese di Riccardo Grassi.

 

Lo stilista ha deciso di prendersi un attimo di riflessione, studiando delle alternative alla sfilata, giudicata dal designer uno strumento non più adatto a raccontare la complessità di una collezione di moda reale maschile. Dell'Acqua non ha ancora scelto se inserire alcuni look del menswear all'interno dello show donna di settembre, per il momento la "promozione" della collezione uomo è affidata video che riprende un Rave Trip solare e naturale.

 

La presentazione milanese è l'occasione per annunciare il nuovo progetto del designer partenopeo, N° 21 Petite Taille, una collezione né unisex, né genderless, ma che declina nelle taglie tradizionali femminili tutti i capi della collezione maschile.

 

Stessi parka, stesse camicie, stesse T-shirt, stesse sneaker e stessi sandali dell’uomo, ma senza occhieggiare nessun effetto del crossing dress. Tutto è molto naturale, nato da un’aggiunta “di servizio” nella concezione della moda femminile del marchio, la Petite Taille è un’ulteriore espressione di quell’idea di donna femminile e sexy che il direttore creativo Alessandro dell’Acqua definisce «una sensualità femminile non omologata agli stereotipi maschili».

 

stats