Milano Moda Uomo

Tutti gli stili del mondo per la "fantasy tribe" di Diesel Black Gold

Messico, Perù, Norvegia, Siria, Afghanistan, Europa dell’Est: per la collezione Diesel Black Gold del prossimo inverno Andreas Melbostad ha immaginato una tribù fantastica, vestita con tutti gli stili del mondo. «Mi ricorda i miei viaggi negli anni Ottanta», spiega Renzo Rosso.

 

«Abbiamo preso spunto dalle influenze di stile e culturali raccolte in tanti Paesi del mondo, che abbiamo mixato e reinterpretato nel rispetto del nostro dna, rileggendo con uno spirito nuovo i nostri capi iconici, come i jeans, la pelle, l’outerwear», ha chiarito Melbostad.

 

Ecco che le giacche di pelle, i bomber, i caban militari e i pantaloni in denim stemperano la carica rock arricchiti di inserti colorati ripresi dai tappeti Navajo, il chiodo ammorbidisce l’aggressività coprendosi di frange, mentre le borchie diventano pietre e perline di gusto nativo-americano.

 

Un mood interpretato all’insegna delle sovrapposizioni, in cui a dire l’ultima parola è sempre la camicia, lunghissima, che sporge sotto ai maglioni peruviani simili a tuniche, a loro volta più lunghi del capospalla.

 

Per la donna l’ispirazione viene dalla Romania, dai vestiti e dalle camicie ricamate delle contadine locali, o dall’Afghanistan, che suggerisce i vestiti svasati in flanella di lana e in denim con piastroni borchiati e ricami, e infine tanta Cina e Vietnam per le gonne multicolore, e Siria e Palestina per i pantaloni in denim ricamati.

 

Un meltin’pot di stile e culturale per ribadire il potere unificante della moda e il suo spirito, sempre più globale, in cui anche gli accessori sono imprescindibili, dai mocassini a frange agli stivali con fibbie western.

 

Un modo per guardare al futuro senza rinnegare la storia del marchio, che nel 2018 compie i 40 anni: «Questa collezione – ha spiegato Renzo Rosso - mi ricorda i miei giri intorno al mondo negli anni Ottanta. Lo spunto è venuto dal nostro archivio, dalla cose che abbiamo creato, reinterpretate in chiave moderna e con lo spirito contemporary di Diesel Black Gold. Una proposta che dedichiamo a un consumatore sempre più attento al fashion, che ha voglia di esibirsi e che consuman sempre più moda».

 

La donna non è da meno, sottolinea Renzo Rosso. «A oggi il nostro giro di affari è coperto per il 70% dal menswear, storicamente più forte per noi, ma stiamo lavorando molto bene sul womenswear e speriamo di arrivare presto al pareggio».

 

Sui propositi per il nuovo anno, alla luce dei cambiamenti recenti - dalla nomina del nuovo a.d., Marco Agnolin, all’uscita di Nicola Formichetti - Rosso non ha voluto pronunciarsi: «È un momento molto bello, di grandi cambiamenti, di cui parleremo presto: ho tante cose belle da raccontare e da comunicare, ma per il momento voglio concentrarmi sulle cose belle che stiamo facendo a livello di creatività e di moda».

 

stats