Moda contemporary

White: 500 marchi a febbraio. E le modelle in piazza Duomo per il brand Yohanix

Stesse location (via Tortona 27,35 e 54) ma sempre più innovazione al White, che presenta 500 marchi di ricerca, di cui 176 new entry. Special guest il brand Yohanix, protagonista di un evento, domenica 28 in piazza Duomo, che avvicina la moda alla città.

 

«La moda - ha spiegato in conferenza stampa Massimiliano Bizzi, fondatore di White - non è soltanto uno schermo freddo. Per avvicinarla alla gente abbiamo pensato di far sfilare il marchio Yohanix in Duomo, Galleria e piazza Scala».

 

Non sarà la canonica passerella però. Domenica 28, dalle 19, le modelle sfileranno tra i passanti. Curiosi, turisti, gente comune: smartphone alla mano, saranno loro, come ipotizzano gli organizzatori, a veicolare le immagini della collezione del designer coreano Yohan Kim, già ospite della New York Fashion Week (nella foto).

 

«Cultura e innovazione sono, a mio avviso, le chiavi vincenti della fashion week di Milano», sostiene Bizzi, ricordando che 142 i marchi stranieri hanno scelto White (e quindi la piazza di Milano) per farsi conoscere ed espandere il business. Alcuni, come il brand inglese Barbara Alan, decidono anche di far produrre la loro collezione in Italia.

 

Tra le altre novità del salone, che stima 20mila visitatori, c'è "It's time to South": un progetto nato in collaborazione con l'Ice per valorizzare giovani aziende del Sud Italia. In particolare parteciperanno 15 marchi contemporary individuati tra realtà del fashion presenti in Calabria, Campania, Puglia e Sicilia.

 

Un progetto speciale - "China Calling" - riguarda i promettenti designer cinesi, che White ha selezionato in collaborazione con la fashion talent scouter Sonja Long Xiao, fondatrice del concept store Alter di Shanghai.

 

Viene dalla Finlandia, invece, un altro specail project: si tratta di Aalto, marchio creato dal designer Tuomas Merikoski che propone un womenswear con dettagli maschili ispirato all'arte e al design, grazie alla collaborazione attiva con noti artisti scandinavi.

 

All'edizione di febbraio torna il Time Award, premio che coinvolge la Camera Italiana dei Buyer Moda e la casa automobilistica Lancia, creato per dare ai vincitori la possibilità di sviluppare il marchio e potenziarne la distribuzione. Debutta invece il Premio Ramponi, voluto dall'azienda Ramponi (produttore di accessori per l'alta moda) che vuole sostenere la ricerca e i designer nella cruciale fase della campagna vendita. Il primo vincitore è lo stilista Alberto Zambelli, che il 28 sfila all'Arengario, nel calendario di Milano Moda Donna.

 

stats