OMNICANALITÀ

Netcomm Forum: +18% di presenze. Award a Martha's Cottage, ma premi anche a Lanieri, Ovs e Chicco

Il 12esimo Netcomm Forum, a Milano il 10 e 11 maggio, ha chiuso i battenti con visitatori in crescita del 18% rispetto a un anno fa, per un totale di 11.800 presenze. Roberto Liscia (nella foto): «Non ci sono più scuse. Il digitale è la strada necessaria per le aziende eccellenti che vogliono competere con successo nei prossimi anni».

 

170 tra espositori e sponsor, 169 relatori, tre plenarie a cui hanno preso parte oltre 3mila persone e 76 workshop, seguiti da più di 16mila visitatori: sono questi alcuni numeri della manifestazione, che ha riunito a Milano la business community digitale per tracciare le nuove rotte dell'e-commerce, un settore che in Italia, dal 2014, è cresciuto del 37%.

 

«Sono dati considerevoli - ha dichiarato Liscia, presidente Netcomm - che dimostrano quanto le competenze, la cultura e le iniziative digitali in Italia si stiano affermando sempre più velocemente. Come Netcomm siamo orgogliosi di essere parte attiva di questa evoluzione. Non ci sono però più scuse: il digitale è la strada necessaria per le aziende eccellenti che vogliono competere con successo nei prossimi anni, ricercando expertise specialistiche e innovative nelle aree dello unified commerce, dove il cliente sempre più evoluto è al centro».

 

Online e offline si stanno integrando in un processo osmotico, che va sotto il nome di omnicanalità: il nuovo consumatore pretende di interagire con l’azienda in modo immediato e diretto, attraverso una pluralità di interfacce (negozio fisico, e-shop, social, ecc.), vivendo un’esperienza unica, personalizzata e continuativa.

 

Soprattutto, come dimostrano i dati presentati nel corso della prima plenaria, il canale fisico è entrato nell’online, ma anche l’e‐commerce sta portando innovazione digitale al canale fisico migliorando il servizio offerto al consumatore, l’esperienza con il brand e il traffico online: su 44.395 punti vendita in Italia, appartenenti a quasi 250 insegne, 22mila sono risultati attivi con servizi legati all’ecommerce.

 

Temi quali pagamenti, data science, logistica e mobilità sono stati approfonditi nel corso della manifestazione come asset per trasformare l'esperienza di consumatori iperconnessi. In questo scenario, sono i "dati" il nuovo link tra azienda e potenziale cliente, attraverso i quali le imprese possono accelerare la comprensione del mercato e la soddisfazione dei bisogni dei loro interlocutori.

 

Sotto i riflettori al forum anche i Netcomm eCommerce Award 2017, che hanno portato sul primo gradino del podio Martha's Cottage, il più grande shop online dedicato al matrimonio in Europa. Un riconoscimento che permette alla startup siracusana (che si è aggiudicata anche il primo premio nella categoria "Servizi") di candidarsi all'European eCommerce Award, di scena a Barcellona i prossimi 13 e 14 giugno.

 

Anche il settore moda si è però distinto con realtà all'avanguardia. Lanieri, e-shop di abiti su misura maschili made in Italy, ha vinto - per il secondo anno consecutivo, visto che nel 2016 era stato premiato ex-aequo con il colosso Zalando - il Netcomm eCommerce Award 2017 nella sezione "abbigliamento e accessori". L'azienda, che ha chiuso il 2016 con un fatturato in crescita del 200%, vanta un'impostazione marcatamente omnichannel, che associa la possibilità di ordinare il proprio capo online su Lanieri.com a quella di toccare con mano tessuti ed effettuare ordini anche offline in atelier o temporary shop in città selezionate.

 

Nato nel giugno 2016 e firmato da B2X,Chicco Shop Onlinevince invece nella categoria "Kids", grazie a una piattaforma disponibile per il momento solo in Italia ma che nel corso del 2017 approderà in Portogallo e altri Paesi dell'Ue.

 

Nella sezione "Abbigliamento e accessori/Omnichannel" si è imposto inoltre Ovs per la sua digital shopping experience. Già dal 2013 il sito si era evoluto e oggi, inserendo il mobile, ha integrato in modo profondo - secondo Netcomm -  l’esperienza on e offline del cliente.

 

stats