PREVIEW

New York perde pezzi, ma tornano Tom Ford e Rihanna

Diversi nomi che in genere sfilavano alla New York Fashion Week (in programma dal 6 al 13 settembre) passano il turno e scelgono altre città dove presentare le proprie collezioni. C'è invece chi torna, come Tom Ford dopo le trasferte a Londra e Los Angeles e Rihanna con la collezione Fenty x Puma, nel recente passato in pedana a Parigi.

 

La Ville Lumière ha scippato qualche nome di spicco alla manifestazione a stelle e strisce: Proenza Schouler e Rodarte, già protagonisti durante la settimana della haute couture di luglio, hanno fatto scuola e ispirato brand come Lacoste, Altuzarra e Thom Browne, di scena nella capitale francese rispettivamente il 27 e il 30 settembre e il 3 ottobre.

 

Tommy Hilfiger abbandona Los Angeles e fa rotta su Londra con uno show co-ed, improntato alla formula see now buy now e previsto il 19 settembre. A fianco dello stilista ci sarà ancora una volta Gigi Hadid.

 

Il calendario newyorkese - che si avvale di due sedi principali, la Skylight Clarkson Square e The Shop @ NYFW, entrambe in Washington street, insieme a una miriade di altre location - schiera dunque già domani, 6 settembre, Tom Ford.

 

L'inizio ufficiale della kermesse è il 7, giorno che vede schierati tra gli altri Desigual, per la prima volta con la direzione artistica di Jean-Paul Goude, e soprattutto Calvin Klein, con una nuova prova del creative director Raf Simons.

 

Il nome di spicco dell'8 settembre è quello di Jeremy Scott, al ventesimo anniversario della sua griffe, ma sono presenti all'appello tra gli altri anche Tory Burch, Kate Spade e Nicole Miller.

 

Il 9 l'Hammerstein Ballroom ospita Philipp Plein, che nei giorni scorsi ha ufficializzato la nomina di Peter Tannenbaum a presidente e ceo delle Americhe, ma c'è dell'altro: per esempio Paul Andrew, Jill Stuart, Custo Barcelona e Alexander Wang.

 

Il 10 è la giornata di Francesca Liberatore, Victoria Beckham, Public School, Vivienne Tam, Prabal Gurung, Diane von Furstenberg - con la terza collezione disegnata da Jonathan Saunders - e Fenty Puma by Rihanna.

 

Questi nomi cedono il passo l'11 settembre ad Anna Sui, Derek Lam, Zadig & Voltaire, 3.1 Phillip Lim, Oscar de la Renta, Carolina Herrera ed Helmut Lang interpretato da Shayne Oliver.

 

Il 12 i riflettori si accendono su Jenny Packham, Badgley Mischka, Coach, Naeem Khan, Chiara Boni La Petite Robe, Cynthia Rowley e Ralph Lauren, ancora con un'impostazione uomo/donna e see now buy now e con la Purple Label, oltre alla main collection, sotto i riflettori. Insolita la location: il garage dello stilista, appassionato collezionista di auto d'epoca, a Bedford, non proprio a due passi da Manhattan.

 

Si chiude il 13 settembre con Michael Kors, Delpozo, Eva Longoria Collection, Marchesa, Marcel Ostertag e Marc Jacobs.

 

Se si cerca il nome di Narciso Rodriguez, lo si trova nelle presentazioni: sceglie infatti di accogliere buyer e giornalisti in showroom e lo stesso fa Rag & Bone (nella foto, Calvin Klein disegnata da Raf Simons per l'inverno 2017/2018).

 

stats